Pubblicata il 13/11/2010
Sboccia un ricordo del tempo passato
quando sul velo di limpide acque
stava quel legno da me tanto amato
tragittandomi allor ... finchè non giacque.

Solcava l'onda con tanta fierezza
la cavalcavo con grande passione
dalla prima alba al calar della brezza
nelle giornate di bella stagione.

Dolce "Esmeralda", il suo nome era questo
verde dei monti fra cui navigava
con il suo incedere stabile e lesto.

Gli intarsi d'azzurro che riportava,
con il colore dei flutti intonava
non con la tinta del mio pensier mesto.

(sonetto
  • Attualmente 0/5 meriti.
0,0/5 meriti (0 voti)

Se ho capito bene Esmeralda era una tua barca che ti accompagnava nei tuoi viaggi sulle onde durante la bella stagione e ti ha lasciato bei ricordi.
Aveva intarsi azzurri come il colore del mare e non del colore dei tuoi mesti pensieri.
Molto bella, lineare, scivola nella lettura che è una bellezza. Mi è piaciuta molto.
Ti mando un caro saluto Giorgio.
helan

il 14/11/2010 alle 00:56

Esattamente, riguardando una vecchia fotografia mi è nato quel ricordo nostalgico. Ora al suo posto c'è "Cometa" una piccola barchetta autocostruita a cui sono altrettanto affezionato. Carissima helan, grazie per le tue belle parole e ricambio il saluto. Giorgio

il 14/11/2010 alle 08:27

Un dolce ricordo di un barca chiamata Esmeralda,
che ti accompagnava nelle stagioni belle.
Bel sonetto Giorgio.
Un affettuoso saluto.
Dora

il 14/11/2010 alle 08:37

Grazie Dora i tuoi interventi sono per me dolci come il miele. Affettuosissimo saluto. Giorgio

il 14/11/2010 alle 08:47

Con quale tonalità soave ne parli di questa Esmeralda!
Bella poesia, belle le rime in mezzo.
Piaciuta
Un caro saluto
Y

il 14/11/2010 alle 20:28
ram

Un sonetto splendido, versi rimati con maestria, Bella.

il 14/11/2010 alle 22:24

Grazie per il tuo intervento e per le bellissime parole. Un saluto. Giorgio

il 14/11/2010 alle 22:33

Ti ringrazio per i graditi complimenti, un caro saluto. Giorgio

il 14/11/2010 alle 22:34

Parli di Esmeralda come di una donna Giorgio,
è fantastico essere amato da te.
affetto.
Marygiò

il 20/11/2010 alle 18:45