Pubblicata il 13/11/2010
E' un mondo infame questo
dove prima si condanna
e poi si cercano le colpe,
dove c'è sempre un maestro
e chi deve fare l'alunno,
chi fa il giudice e chi è sempre imputato.
chi ha sempre ragione e chi sempre torto.
Sembra che ci siano ruoli fissi per ognuno
come fossero vestiti da indossare.
Spesso si è giudicati
senza possibilità di difesa,
E' stabilito così e così dev'essere.
C'è chi parla sempre
e chi è condannato a tacere
senza possibilità di dire la sua.
E' così che si commettono ingiustizie,
che si condannano innocenti,
che si calpestano fiori con scarpe di fango,
che le menzogne hanno più valore delle verità ,
che si calpestano i più deboli,
quelli che per la loro mitezza
non riescono a difendersi
e così cresce la superbia e l'arroganza.
Non esiste la comprensione dell'altro,
l'amore, la serietà , la coerenza,
il rispetto per la persona.
Ed è per questo che mi vien voglia di scappare
e mi rifugio nel mio mondo,
in un mondo dove posso finalmente respirare
posso piangere per il dolore e il dispiacere
ma posso anche ridere per la gioia di vivere
per l'amore che mi riempie il cuore
per la sincerità dei sentimenti
per l'amicizia vera.
  • Attualmente 5/5 meriti.
5,0/5 meriti (1 voti)

Hai dannatamente ragione. Fin dal titolo: Mondo Infame. E non si può scappare perchè tutto il mondo è così. Gli infami son dappertutto, anche nei posti dove sembra essere paradiso. Bisogna tenerci stretti stretti il "nostro" piccolo mondo, fatto dei nostri cari e di amici. Meglio pochi ma buoni.
Belli gli ultimi versi. Molto.
Abbraccio
Fabio

il 13/11/2010 alle 23:34

hai descritto con lucidità la realtà
veramente brava piaciuta :-) ciao

il 14/11/2010 alle 00:30

Grazie di cuore Fabio, mi fa piacere che ti sia piaciuta.
Buona Domenica e buona notte per ora,
helan

il 14/11/2010 alle 00:32

Grazie astronauta per il tuo gradimento e apprezzamento.
Ciao,
helan

il 14/11/2010 alle 00:34

Il tuo mondo.....e' anche il mio......e.....credo.....anche quello di molti poeti di PoeticHouse. Il "tuo" mondo.....non e' un sogno......e' quell' altro....che e'.....un incubo. Saluti

il 14/11/2010 alle 01:30

Lasciami un posticino nel tuo mondo, voglio venire a raggiungerti. Le tue parole contengono la grandezza del vero animo umano. Doppio abbraccio. Giorgio

il 14/11/2010 alle 08:45

Grazie della condivisione, ne sono lieta.

Ciao,
helan

il 14/11/2010 alle 11:23

Caro Giorgio, da quel che ne so, tu già vivi dentro di te un mondo simile al mio, ne sono convinta e lieta.
Ti ringrazio delle belle parole che sempre mi gratificano.
Un abbraccio,
helan

il 14/11/2010 alle 11:25

non sai quanto hai ragione! il nostro dovrebbe essere un mondo di uomini dominato dalla legge dell'amore e invece sembra una giungla dove vale la legge del più forte, di chi urla di più e meglio, dove molti, e non si sa perchè, la fanno da padrone assegnando ruoli e calpestando chi non ha voce o forza abbastanza per difendersi.
Viene naturale ritagliarsi un proprio piccolo mondo dentro noi stessi nel quale i sentimenti hanno diritto di cittadinanza, dove possiamo essere noi stessi e deporre la corazza che dobbiamo indossare ogni giorno per andare a quella che è una guerra, non una vita.
piaciuta tantissimo helan e scusa il ritardo, ma mi era proprio sfuggita.
baci e auguri di pronta guarigione.
baci
eos

il 14/11/2010 alle 19:41

Finalmente hai tirato fuori gli artigli, e che graffi, che incisioni!
Sebbene vivi nel tuo "mondo" conosci anche la realtà,
non te la lasci scivolare addosso.
Mi piace davvero questa poesia, sin dal titolo.
Un caro saluto
Y

il 14/11/2010 alle 20:12

E' un commento il tuo che non mi sorprende, sapevo che la pensavi come me e ti ringrazio tantissimo per la condivisione ed anche per l'apprezzamento.
Ti abbraccio con affetto,
helan

il 14/11/2010 alle 23:26

Questo tuo commento mi commuove tantissimo, mi sembra di essere tornata più giovane di due anni. Non sai quanto mi hai fatto felice. Grazie!
Son lieta che ti sia piaciuta.
Ti abbraccio,
helan

il 14/11/2010 alle 23:29
ram

Amore, coerenza, amicizia, giustizia, serietà...deboli, verità. Nonostante la perplessità
che che susciti fai apparire tutti questi aggettivi come le cose nobili che sono. Bella.

il 14/11/2010 alle 23:46

viviamo in una selva di lupi affamati,
fortuna per noi che abbiamo questo mondo fatto di poesia che ci aiuta a superare tutti gli ostacoli.
buona notte dolce Helan, alla prossima.
Marygiò

il 15/11/2010 alle 00:07

Grazie Marygiò della tua gradita presenza.
Buona notte anche a te,
helan

il 15/11/2010 alle 00:19

Grazie del graditissimo commento che apprezzo molto.
E' un piacere, Davide, rivederti dopo tanto tempo e rileggere un tuo commento.
Un caro saluto,
helan

il 15/11/2010 alle 00:25

che Dirti cara helan...è semplicemente così, chi è mite, ed ha il suo mondo ed i suoi valori, è matematicamente calpestato...bisogna farsene una ragione, e non soffrire piu' per questo, se ci si riesce....

il 15/11/2010 alle 12:25

Caro Arturo per me non è una novità, ormai ci sono quasi abituata, mi meraviglierei molto solo del contrario.
Grazie della visita.
Ciao,
helan

il 15/11/2010 alle 12:47

emerge con molta chiarezza la fragilità dell'anima sensibile in un mondo di vasi di ferro...
UN abbraccio
Ax

il 15/11/2010 alle 16:35

purtroppo mi devo dissociare da tutti i pessimisti ma non e'cosi' a certi livelli sicuramente e' come dite voi ma la giustzia ordinaria c'e . poi per tutti i politici di destra centro e sinistra le cose cambiano visto che si fanno le leggi per tutelarsi.ma anche voi quante volte avete infranto la legge?????partendo da abusi edilizi, evadento il fisco che e' una moda italiana.eccecceccc
salutoni

il 15/11/2010 alle 19:25

come qualcuno di voi ha scritto la fragilita' dell'anima si dovrebbe tramutare in fiamma ossitrica per sfondare quei vasi di ferro che contengono all' interno e ben corrazzate le classi protette che ci stanno rovinando noi e peggio che mai i nostri figli senza un domani
saluti ciaoooooo

il 15/11/2010 alle 19:29

Grazie....ciao!

il 16/11/2010 alle 01:40

Grazie della tua gradita presenza Axel.
Ti abbraccio,
helan

il 16/11/2010 alle 01:41

Grazie, ciao!
H

il 16/11/2010 alle 01:42

non e' giusto rassegnarsi tacere e vivere distanti da queste cose.i nostri genitori non si rassegnarono nel 68
non si fecero piegare da nessuno.
E noi figli siamo riusciti a perdere tutti quei diritti che con i loro sacrifici avevano conquistato
Ci stiamo riduciendo in schiavi in marionette,se la politica fa schifo gridatelo tutti i giorni.
Destra centro sinistra tutti ignobili indecenti e sopratutto incapaci di governare la nostra italia.
scusa ma e' uno sfogo
CIAOOOO

il 17/11/2010 alle 14:50