Pubblicata il 06/11/2010
Squilla il cellulare
sotto il marmo
offuscato da zeugmi
eterodossi.
Tramonto albeggiante
di una notte
illuminata da una
luna solare
piena di luppolo,
vino e grappoli
d'uva dell'anno
scorsoio.
Non rispondo
a ki mi kiama.
Gli parlo a tutto
tondo col mess
dentro la mousse
di mouse e miss.
Finendo il credito
ho un fremito:ho finito
il cremìno!
Ma il gestore si fa una risata:
"Che crèmino te e il tuo
cellulare!!"

2006
  • Attualmente 5/5 meriti.
5,0/5 meriti (1 voti)