Pubblicata il 25/08/2001
SON PRONTO ALL’UNIONE, MIA SPOSA!

Turgidi seni implorano accesso d’amore,
pelviche labbra offrono incontro giulivo;
il volto tuo dolce in splendore al sorriso
fanno ancora vibrare le attese del cuore.

Sposa mia diletta, sei pronta all’unione?
Forte mia delizia, trattienimi nel tempo!
La prossima notte: che cosa in frattempo?
Sto paziente in attesa, ti miro in visione!

E’ più vicina la meta di ardore amoroso,
l’abbiamo studiato per renderlo grande,
pure insieme curato con varie domande
in ogni suo aspetto per farlo armonioso.

La pausa lunga per tuo cenno di assenso
alla intensa pulsione dal contatto fecondo!
Or non dura l’attesa di concento giocondo,
sono fremente tornato ad amore propenso.

E’ vicino lo sguardo uno all’altro davanti;
è più calda la voce con i sorrisi ed incanti!
E’ scomparso il lamento di troppa distanza,
è ripreso il vigore di nostra piena esultanza!

………… F. Gheza … 23 agosto 2001
  • Attualmente 0/5 meriti.
0,0/5 meriti (0 voti)