Pubblicata il 17/09/2010
Novella peccatrice senza amore
che vieni sulla costa a naufragare
hai barattato tutto il tuo sapere
con un miraggio fosco di piacere,
od un passaggio forse... alla galera.

Tu hai sofferto da quando sei nata
succhiando da quel seno dimagrito
ed hai subito fame ed hai pagato
lo scempio di un terra inaridita
brucata da famelici …assoldati.

E l’ultima speranza se n’è andata
quando quel corpicino è fuoriuscito
sospinta dalle onde e malnutrita
cercavi spazio ma era occupato;
da quella barca poi v’hanno gettato.

E per pietà soltanto e per pudore
t’hanno raccolta quando fu mattina
mani guantate e facce mascherine
bottiglie d’acqua tante e ben marcate
in un recinto poi t’hanno "stoccata".

Al collo un cartello prestampato:
"collo guastato! Va restituito".
E non sia detto e non sia fatto
questo misfatto dovrebbe mai accadere;
nel nome di allah o budda o gesù cristo...
in nome del mondo dobbiamo condannare.

discaricaamarenms2agosto2008
  • Attualmente 5/5 meriti.
5,0/5 meriti (1 voti)

Questa tua sacrosanta verità,
scusami Nino mi fa sentire male,
sei bravissimo complimenti.
affetto sincero.
marygiò

il 17/09/2010 alle 18:06

hai perfettamente ragione, è orribile trattare come oggetti esseri umani che arrivano con la speranza di trovare un futuro. Il problema però è a monte: non possiamo accogliere tutti i disperati del mondo, ma solo quelli cui si può offrire una casa, un lavoro e dignitose condizioni di vita. L'Italia è un paese piccolo, già sovraffollato, con scarse risorse, non possiamo permetterci di aprire la porta a tutti.
Bisognerebbe far in modo di creare condizioni di vita migliori nei loro paesi e quindi smettere di dare soldi che finiscono per essere sperperati dai tiranni di quei paesi, e costruire invece scuole, ospedali ecc .
discorso lungo ma credo che hai capito cosa volio dire.
un abbraccio
eos

il 17/09/2010 alle 18:44

Nino sei formidabile voto:-) ciao

il 17/09/2010 alle 20:15

Dai non esagerare! Riesco a scrivere solo dipiaceri che mi vengono benino.
Ti ringrazio con un caro saluto
ninomario

il 17/09/2010 alle 20:31

se ti senti male allora non scrivo più
affetto
ninomario

il 17/09/2010 alle 20:31

Su questi temi siamo in perfetta sintonia
una sola notizia: l'Italia è il paese più vecchio del mondo e se continua così in qualche decennio spariremmo.
have a nice week end
abbraccio libero
ninomario

il 17/09/2010 alle 20:35

ma la soluzione è in una politica familiare che renda possibile economicamente avere figli e più di uno a famiglia.
have a nice week end anche a te, nino.
un abbraccio abbraccioso
eos

il 17/09/2010 alle 21:15

ovviamente scherzavo!
buona notte e sogna Roma

il 17/09/2010 alle 22:38

Come altre volte ho detto i tuoi versi sono sempre mirati su argomenti vari della vita, sulle dinamiche di accadimenti e sono letti con interesse e sui tuoi versi si è portati a pensare e riflettere.
Anche questa volta tocchi un tasto dolente che fa discutere e riflettere.
Complimenti e abbracci,
helan

il 17/09/2010 alle 23:06

Questa volta descrivo ciò che è accaduto realmente su un barcone di profughi talmente stipati da non lasciare spazio ad una donna che aveva partorito e che venne burrara a mare con il bimbo. Naturalmente il bimbo mori e lei,"dalvata" venne rispedita.Un paio di volte diedero un barlume di notizia in modo edulcorato, poi silenzio.
Io dico: ne parli la poesia. Almeno.Ricambio l'abbraccio
ninomario

il 18/09/2010 alle 09:21

Ormai il nostro cuore si è "abituato" a queste tristissime storie. Poichè poco possiamo fare individualmente cerchiamo di non "farci caso" di "non pensarci tanto"... ed è un male. La verità va sempre ricordata. Mi impressiona il modo con cui esponi queste brutture, vale molto di più una tua poesia in tal senso , che i servizi giornalistici che leggiamo a tal proposito.
Con affetto
Fabio

il 20/09/2010 alle 23:43

solo oggi mi accorgo di non averti risposto e ti prego conservami attenzione come da parte mia non è stato.
Un abbraccione
ninomario

il 30/09/2010 alle 11:57