Pubblicata il 02/09/2010
Un albero
fa'uno starnuto,
si staccan
le foglie lanceolate,
volan leste
sembran stregate.
Sul sentiero
di acqua imbevuto,
vedo un fungo
a forma di imbuto.
Canta poi piange
il ruscelletto,
scende vistoso
scorrendo
sotto il parapetto.
Trasporta il vento
l'odore del vino,
mi sposto
in un posto vicino.
Sento ora
una dolcissima sinfonia,
lasciata da un uccello
che ora se ne e' volato via.
  • Attualmente 5/5 meriti.
5,0/5 meriti (1 voti)

Le recenti poesie sono bellissime! Un bacio, Fabio.

il 02/09/2010 alle 19:45

Che belle scene stai descrivendo ultimamente
Bra vis si ma

il 02/09/2010 alle 19:57

ma abiti in montagna o nel paradiso? Le tue cpoesie sono così bucoliche che ti invidio, fortunata..bella poesia Snow

il 02/09/2010 alle 20:37

Immagini intense, lessico ricercato che trasmette gioia.
Complimenti

il 02/09/2010 alle 22:01

la natura ti ha sottratto a noi, e tu ne sei l'incontaminata reginetta. complimenti vivi e vegeti

il 03/09/2010 alle 09:00

è un paradiso il tuo, o sei tu che lo rendi tale con la tua percezione delle cose?

il 03/09/2010 alle 09:09

Meraviglioso settembre nel bosco col cinguettio di QUIARA che intona inni alla natura ed assapora le bellezze incomparabili di una vita da sogno. Anche le più piccole cose se guardate attentamente e con occhi puri si trasformano in spettacoli meravigliosi. Questo è il tuo modo di vedere la vita, il solo vero unico modo di guardare. Un abbraccio. Giorgio

il 04/09/2010 alle 22:09

una fantastica passaggiata, mi piace molto, si sente persino l'odore dell'erba,ciao Rosa

il 05/09/2010 alle 12:10