Pubblicata il 02/09/2010
Mmiezze a la strada l’è nate nu giglie,
tante c’addore nun pozze passà,
nge sta na mamma ca tene na figlia
me l’ha premmisse e me l’adda rà,

e quera mamma se chiama Cunsiglia
ma re cunsiglie nun ne sape rà,
pecchè Cuncetta ho chiamata la figlia
se quase maie se mette a parlà.

Ie, se l’attane nun se la piglia,
proprie musere la vache a nguntrà,
le riche subbete: - facime famiglia-,
e na resposta me l’adda attunnà;

se rice no la freva me piglia
e veche cumme me pote passà,
se rice si ie nbrazze la piglie
e cittu cittu la vache a spusà.

traccedipassato(prima strofa)restauratoanche nel motivomusicalenms29ag2010

Libera traduzione

In mezzo ad una strada è nato un giglio,
odora così tanto che non mi lascia passare
ci sta una mamma che tiene una figlia
me l'ha promessa e deve darmela(in sposa),

e quera mamma si chiama Consiglia
ma di consigli non ne sa dare
perchè Concetta ha chiamato la figlia
se quasi mai si mette a parlare?

Io, se il padre non se la prende (a male)
proprio stasera vado a incontrarla,
le dico subito: facciamo famiglia
e una risposta me la deve dare.

Se dice no la febbre mi prende
e vedo come farmela passare!
Se dice si io in braccio la prendo
e zitto, zitto vado a sposarla,
  • Attualmente 5/5 meriti.
5,0/5 meriti (1 voti)

E' una simpatica filastrocca
capitata a te in passato vero?
molto suggestiva e orecchiabile,
in dialetto rende di più.
Simpaticamente.
Marì

il 02/09/2010 alle 17:29

be...molto sbrigativo, non perde tempo, ciao Rosa

il 02/09/2010 alle 17:32

più che sorridere mi hai fatto ridere per un bel pò al pensare la tua grande meraviglia per tanta solerzia. Spero che anche tu abbia riso e cosi avremo fatto buon sangue.
ottimo e spiritoso commento a quanto avveniva nel passato ormai remoto e che ho dovuto restaurare..
affettuosi saluti
ninomario

il 02/09/2010 alle 17:55

La prima quartina è un stornello che ancora si canta, le altre tre le ho scritte in base al probabile significato della prima rispetto alle antiche usanze oramai scomparse da tempo. Ho ripreso pure il motivo e rimusicato secondo le mie fantasie. Col tempo ne farò un video.
Grazie per il commento puntuale e sempre affettuosamente gradito
ninomaro

il 02/09/2010 alle 18:01

prendi la sposa al volo! bene, hai visto mai...
simpatica e piacevole da leggere.
un abbraccio
eos

il 02/09/2010 alle 19:48

come hai letto è la restaurazione di uno stornello
affetto
ninomario antico sentito per strada in un'unica strofa...

il 02/09/2010 alle 19:58

Questa poesia,invece,la capisco benissimo essendo io per metà (quella intelligente), di origine campana,provincia di Salerno.Abbraccio.

il 02/09/2010 alle 22:16

allora saprai cge si chiamano stornelli, il primo l'ho ascoltato da un anziano che lo cantava come può cantare chi ha alzato il gomito, da li lo spunto per scrivere il resto che è andato perduto e che poi ho anche musicato e forse ne farò un video
Stattebbona fegliola mia
abbraccio
ninomario

il 03/09/2010 alle 08:36

Comm'è nu giglio "r'int'ò pietto si spuntato,
nunn'è janco ma d'azzurro illuminato.
è spuntato a miz'è roccie sulo, sulo,
pe farse ammirà pure "r'int'ò scuro.

un pensiero solo per te Nino.
Marì

il 03/09/2010 alle 10:13

Simpatico stornello (ma non è proprio dialetto napoletano mi sembra, o sbaglio?).

Complimenti per la fantasia.
Ciao,
helan

il 03/09/2010 alle 11:25

è il mio dialetto della mia Bisaccia non arnese ma paese situato a mezza via fra l'adriatico (Manfredonia) e il tirreno (Salerno)
Te ne anticipo un altro anch'esso da restaurare

Figliò ringigze a mammeta
se te pò fa la rota
sennò te faie pezoca
e l'uocchie mie nun vire no, no!

Se non riesci a capire fammelo sapere
abbracci
ninomario

il 03/09/2010 alle 12:23

i telefonini hanno danneggiato molto il romanticismo...peccato, ma noi resisteremo, ciao Rosa

il 03/09/2010 alle 15:39

credo che si possa convivere, basta la moderazione e l'educazione al nuovo
ciaia a rileggerci spero presto
ninomario

il 07/09/2010 alle 22:17

Ringraziamenti infiniti
ninomario

il 07/09/2010 alle 22:23