Pubblicata il 22/06/2010
sono pietre antiche
dai secoli corrose
e fanno eco ai passi
tra silenziose mura
poi voci soffocate
piene di timore
nel mormorare piano
forse di profanare
il silenzio che respira

cammino senza sosta
fra le vecchie mura
pareti ormai corrose
scolpite nella roccia
dove infinite pioggie
hanno versato lacrime
e venti di stagione
lievi accarezzato

cammino sui sentieri
tra boschi secolari
dove indifferenti ombre
mi seguono all'andare
e vado sopra orme
d'antichi pensatori
passati fra quei rami
dove le foglie danzano
la brezza della sera

sono mute le parole
scritte sopra i venti
di quei giorni lontani
rimaste a ricordare
su antiche pergamene
memorie senza fine
tra vecchi scaffali
ormai pieni di polvere.
  • Attualmente 5/5 meriti.
5,0/5 meriti (1 voti)

Tra le orme di Gubbio, i passi di un uomo che ascolta l'eco del tempo... hai l'animo di chi sa cogliere le sfumature "pastello" anche tra vecchi scaffali pieni di polvere.
Mi piace molto il passaggio "cammino sui sentieri tra boschi secolari...e vado sopra orme d'antichi pensatori". C'e' il senso malinconico del tempo e delle sue ombre, sfiorato nella sensazione presente di un nuovo sguardo tra le brezze della sera.

un caro saluto,

~noa~

il 22/06/2010 alle 19:07

Tra boschi secolari ,cammini dove foglie danzano brezza della sera..
davanti a queste pietre antiche ricche di memoria..le parole restano mute.
Apprezzata e gradita.
Dora

il 24/06/2010 alle 06:42