Pubblicata il 16/09/2002
Di chi è il pianto
Che dolce si staglia
Contro la finestra
Pallido come un canto

Chi è che tortura
La chitarra maldestra
E questi violini
Nella sera sì scura

È l'anima, è il cuore
Di un'anima ferita
Uccisa dall'amore
E dalla vita

È il povero Verlaine
Che va dissanguando
Il fievole petto
Piangendo e cantando

E manda il suo pianto
Contro la finestra,
Pallido fantasma
Sopra la ginestra

Di una parola
Un tempo afferrata
Che ora già vola
Al di là della strada
  • Attualmente 0/5 meriti.
0,0/5 meriti (0 voti)


Complimenti!!! Questa poesia mi ha colpito particolarmente... E' davvero molto bella!!!

il 16/09/2002 alle 19:04