Pubblicata il 17/05/2010
Mi raccomando
stava detto ogni volta
che varcavo la soglia del mondo.
Il mio circoscritto mondo
era fatto di stanze e di muri
muri possenti ed antichi
come il mondo.
Dentro persone, solo persone
con l’odore della loro vita,
pochi oggetti, silenzi,
pochi ritratti, molte memorie
di una storia raccontata e vissuta
in un tempo, un altro tempo
il tempo degli eventi,
mentre io, vivevo i miei.
Mi raccomando,
stava detto ogni volta,
sii degno dei segreti eventi
che qui si celano
nei muri possenti
che coprono la nostra
povera vita,
le nostre misere menti
paurose del sole, della luce
del cuore.
  • Attualmente 0/5 meriti.
0,0/5 meriti (0 voti)

l'atmosfera, da est postbellico, quel mi raccomando così umano e dentro le persone, solo persone, mette i brividi mi raccomando scrivi ancora, da rich

il 17/05/2010 alle 18:00

la vita può essere una fonte infinita di storie che non sempre trovano la grazia del racconto... grazie!

il 18/05/2010 alle 16:46