Pubblicata il 28/04/2010
Na vuci di intra
m’assicuta e nun si stanca
mi unchia u pettu
mi pisa na gola.
Nun sapi comu nesciri
e rassignatu m’abbannunu a idda…
Vadda dda genti chi passa - mi dici -
i ra matina a sira, a tutti l’uri
poviri, loddi, ranni e nichi…
Ca fattu pi sta ggenti?
Unni ti cucchi tu?
…ntra pagghia e dommi tranquillu!
Nesci, vaddili nta l’occhi,
vadda a ddi picciriddi
chi tu dumannunu i soddi
vadda a ddi patri i famigghia
vaddili nta l’occhi si ci trovi cchiu.
Picchi campi, u sai picchi campi?
Chi nni successi?
Comu addivintammu accussì?
Nesci, vadditi ntornu
vadda chi disulaziuni
ma non senti cchiu?
Sù cristiani comu attia
mussulmani o cristiani
a sustanza non cancia
a carni è a stissa
l’occhi scuncirtati su i stissi.
Fa quacchicosa, curri, talìa…
Arrusbigghiti

Una voce di dentro
mi insegue e non si stanca
mi gonfia il petto
mi pesa in gola.
Non sa come uscire
e rassegnato mi abbandono a lei...
Guarda quella gente che passa – mi dice
dalla mattina alla sera, a tutte le ore
poveri, sporchi, grandi e piccoli…
Che hai fatto per questa gente?
Tu dove riposi?
...tra la paglia e dormi tranquillo!
Esci, guardali negli occhi,
guarda quei bambini
che ti chiedono i soldi
guarda quei padri di famiglia
guardali negli occhi se glieli trovi più.
Perché vivi, lo sai perché vivi?
Che ci è successo?
Come siamo diventati così?
Esci, guardati intorno
guarda che desolazione
ma non senti più?
Sono cristiani come te
musulmani o cristiani
la sostanza non cambia
la carne è la stessa
gli occhi sconcertati sono gli stessi.
Fai qualcosa, corri, guarda…

Svegliati
  • Attualmente 0/5 meriti.
0,0/5 meriti (0 voti)