Pubblicata il 08/03/2010
Da questa parte del mare
ho comprato il tuo respiro,
ho comprato la tua giovinezza
ho comprato il tuo si
e non riesco a capire
la mia complicità.
Il colore della tua carne
mi scivola addosso
ma non arrivo a te,
ai tuoi sogni di stirpe
alla vita che scorre in te.
Ho perso, un’altra volta,
ho perso il senso del mare,
che ci univa e ci nutriva.
Rabbiosa la vita
senza sogni, i nostri
e degli altri. Solo,
con me, ho comprato
la rabbia della mia razza,
senza guardarti negli occhi,
i tuoi occhi neri
e testimoni.
  • Attualmente 5/5 meriti.
5,0/5 meriti (1 voti)

ha una bella malia, d'onde che s'urtano e si rimpiangono, e un titolo promettente, come se da un'altra parte del mare la visione fosse altro mare, che so, da legione straniera. Bello quel ho comprato e non riesco a capire.

il 14/03/2010 alle 22:12

ti ringrazio per l'attenzione e per l'apprezzamento.

il 15/03/2010 alle 21:28