Pubblicata il 14/02/2010
è il mare
o un campo di granoturco
è il vago ululato dei nostri ultimi rintocchi
giunto a noi lungo venti ultraterreni

siamo angoli di cielo stagliati
sopra i sogni che ci spettano
ed il mondo è un vascello
che a stento può contenerci

tu allunghi timide radici
tra le mie labbra
ed io ascolto le tue preghiere
diffondersi sulla pelle

il resto tace
  • Attualmente 5/5 meriti.
5,0/5 meriti (1 voti)

Delicata, molto bella.

Poetessa.

il 14/02/2010 alle 19:13

un mondo spento e senza significato illuminato da una storia d'amore....che dirti? E' bella. un saluto

il 14/02/2010 alle 20:00

Grazie cara!
Un saluto
Elena

il 15/02/2010 alle 10:17

Grazie Arturo!
Il mondo è una costruzione personale. E' questa la meraviglia.
Elena

il 15/02/2010 alle 10:18

il giovedì è un giorno molto bello. è di transito. è quando nulla è concesso e tutto può accadere. io ne ho uno scolpito nella mia mente che vale mille fine settimana. anche se poi si era già trasformato in venerdì.

il 15/02/2010 alle 16:39

Pufff...! Come un gioco di prestigio!

il 16/02/2010 alle 00:09