Pubblicata il 08/02/2010
Nell'astronave del tempo
morde ancora la scimmia
il collo niveo del cigno,
mentre s'invade di notte
un'alba appena accennata.
  • Attualmente 5/5 meriti.
5,0/5 meriti (1 voti)

fantastica metafora, non c'è speranza in questo retaggio animale...
Kussili
Ax

il 08/02/2010 alle 08:49

profonda metafora, e una speranza appena abbozzata è già finita.

il 08/02/2010 alle 10:46

arturo ha detto esattamente quello che volevo dire io.
complimenti eoskarma

il 08/02/2010 alle 11:27

remember quasimodo....
busserl
lilli

il 08/02/2010 alle 11:57

siamo ancora quelli della pietra e della fionda.....
ciao
lilli

il 08/02/2010 alle 11:58

grazie
ciao
lilli

il 08/02/2010 alle 11:58

Questa immagine di crudele bestialità è meravigliosa.
Mi ha ricordato molto 2001 odissea nello spazio.

Molto bella davvero.

il 08/02/2010 alle 12:05

e proprio pensando ad odissea nella spazio che mi è venuta in mente questa metafora.....
ciao
lilli

il 08/02/2010 alle 12:08

gorilla , macaco, cercopiteco, mandrillo? scegli tu
.-)
lilli

il 08/02/2010 alle 15:32

porèlla quella scimmia tutta sola nello spazio
mi hai fatto ricordare, brava Lilli
sei fantastica.
marygiò

il 08/02/2010 alle 18:48

grazie cara
lilli

il 08/02/2010 alle 19:56

No.
Non siamo più quelli della pietra e della fionda...
Siamo peggiori.
E' l'involuzione della specie !!!
Battute a parte, bellissima questa tua poesia
con l'alba appena accennata...
Ciao
Fabio

il 08/02/2010 alle 22:45

hai ragione , siamo ancora peggiori........
ciao
lilli

il 09/02/2010 alle 08:05

Hai una capcità innata di convogliare emozioni vigorose e significati profondi nel breve volgere di pochi versi...
Potente ma raffinata...
Complimenti davvero.
Un abbraccio.
Luca

il 09/02/2010 alle 14:22

grazie del tuo passaggio.spero di leggerti presto
un abbraccio
lilli

il 09/02/2010 alle 15:37