Utente eliminato
Pubblicata il 17/01/2010
L'immaginazione è una ladra scaltra.

E quanto c'è di miracoloso
a prepare un caffè e basta;

dimenticando di essere il sogno di un corvo.

Siamo la preda preferita di angeli senza domani
che senza sosta trafiggono cuori lontani
dall'essere.

Siamo cigni in cerca di un riflesso
per riconoscerci tali.
  • Attualmente 0/5 meriti.
0,0/5 meriti (0 voti)

...il primo verso è da idolo della mia idolatria...di quelle cose che mi reseteranno(si, scritto così) per sempre.....il resto è una riflessione trasversale sul senso della poesia( e dunque dell'essere umano)
in qualunque animale totemico scelga di rappresentarsi...corvo alla Poe o cigno alla Wagner..sei in gran spolvero (e l'urgenza poetica si sente nel refusetto al v.2....ma lo si dimentica di colpo, presi dall' 'utile e dolce' di tutto il resto)
con ammirata stima
Nicky

il 17/01/2010 alle 13:24