Pubblicata il 05/08/2009
pnzann'à tè proprio a stù mumento,
nu poema te vulesse fà
penna mia,"che mè faje ciacià!
e penziere e tutti te s'ì arrubbate
comme se faciarrje senza e tè accumpagnate!
l'illustri pittori"è fatte pittà:
i poeti e faje sunnà,
ò "nnammurato ò faje suspirà,
de piccerille muzzecà!
nisciuno pò resistere a stu bene
pecchè si o munno intero.
nu sentimento ca esprime tu
difficilmente se scorda chiù.
ammore,solitudine ,pazzia,
tutt'è "nchiuso "r"int'à sta puntina.
ò secolo passato jre na penna
na penna d'oca da ò culore janco,
pur'ò rignante annanz'à te tremmava
quann'è sentenz'è morte firmava.
mò qualcuno t'à nu poc'abbandunato
pe l'ettere dammore ca scrivive.
ma tu rimani sempe na regina,
co "nnir'è linchiostro tuio ammà penzà
pe tutt'ò munno, pe l'eternità!!!

mary giò
  • Attualmente 5/5 meriti.
5,0/5 meriti (1 voti)
Jul

Il fascino e l'eleganza di una penna (in modo particolare quella stilografica) non sostituirà mai una tastiera anche se per ovvii motivi la velocità del nostro tempo l'accantona pigramente.
Nu vaso a'pizzichill!
Jul

il 05/08/2009 alle 17:10

ho molto gradito chillu vas'à pezzechillo,
giao jul sei stata celere a farti sentire, grazie
ti auguro una buona giornata. marygiò

il 05/08/2009 alle 17:23

è vero marì,non ci pensiamo mai ma la penna o qualsiasi mezzo per scrivere manualmente e come il pennello di un pittore o il lecca lecca di un bimbo e quello che dice giulia e sacrosanto in merito alla stilografica,era come ( dico,era,perchè nessuno o quasi nessuno la usa più)l'archetto del violino o del violoncello ed impugnarla era segno di distinzione.bella ma tanto lo sai da sola.Walter

il 05/08/2009 alle 17:23

in effetti senza penna e ne foglietti non potrei vivere,per me è il pane quotidiano ha il potere
di spogliarmi senza neppure sfiorarmi.
dovunque mi trovo, scrivo,scrivo, scrivo!
anche se faccio qualche errore di punteggiatura!
capisci'à me!!!!ciao marì

il 05/08/2009 alle 17:57

ti capisco e come,marì!vai avanti così!walter

il 05/08/2009 alle 19:08