Pubblicata il 02/08/2009
Annè Addo’ staje?

M’arricordo ‘na figliòla
ch’e capille nire e ricce,
teneva l’acqua’e mummer’
all’angolo dell’Arenacce.
Vennev’ tutto, cumm’er’,
c‘a voce semp’ammicce.

S’appicciava si nun’currive,
omm’e paranze se faceva.
Annè, parive o’solleone!
Sempe primme m’servive,
j’ero solo ‘nu guaglione
ma accumannà me vulive,
e j’me facev’mummarone.
Jucav’a fa’a’uerra, rerive,
ma je cu’té nu’ppazziavo
quanno pe‘terra‘te vasavo.

Annè, Annè addo’staje?
Coccheruno se sbagliaje,
’n’ata strada se pigliaje.
Mò isse manc’s’a’sònna
’a furtuna avuta cu’tté.
Oggi sì’mamme e nonna,
ma sì felice senz’e mé?
  • Attualmente 5/5 meriti.
5,0/5 meriti (1 voti)
Jul

Chi può dirlo caro Vincenzo, dovresti chiederglielo personalmente, ma certe persone non fanno più parte del nostro presente, resta solo un bellissimo, nostalgico ricordo.
Un abbraccio, Jul

il 02/08/2009 alle 11:41

Col sorriso e la malinconia, diretta e coinvolgente.
Saluti.
max

il 03/08/2009 alle 11:55

Saggia Giulia.
Un abbraccio forte
V

il 14/08/2009 alle 09:57

Grazie Bella/o max
Salutoni
V

il 14/08/2009 alle 09:58

ho deciso di restituirti il pallottoliere di sterco, 'a fricchettò'. spero tu fossi strafatto di acido quando hai scritto quel commento, perché ancor più che offensivo era insensato.

il 27/08/2009 alle 14:52