Pubblicata il 02/09/2002

Batte forte il cuore,
mentre l'ora si avvicina
e mordo il freno
nel silenzio dell'anima.

Primo viaggio
in compagnia di sconosciuti
che non sanno consolare
le mie paure e le mie ansie.

L'incognito m'attende
di una breve vacanza,
dove i tuoi occhi
non si specchieranno nei miei.

Nel silenzio della notte
non sentirò il tuo respiro,
ma percepirò il battito del tuo cuore
ancor più vicino al mio.

Già mi abbraccia il tuo sorriso,
nel pensiero del ritorno,
ma intanto viaggia veloce questo treno
che mi porta lontano.

Paola
26 agosto 2002
ore 14,15: dedicata ad Efrem.
  • Attualmente 0/5 meriti.
0,0/5 meriti (0 voti)

Salve Paola, questa lieve poesia è molto tenera: il piacere del primo viaggio (forse so dirti dove eheh) senza l'amato accanto, del quale trattieni tuttavia con grande delicatezza il cuore.
Brava. Mi è piaciuta.
Ciao.
Max

il 02/09/2002 alle 11:41

Molto tenera.....
Sono contento di averla letta macchiata d'inchiostro, con le correzioni e impressa su un foglio a quadrettini...fra un caffè ed un sorriso!
...ahhhhh..ed una rosellina di perline!
;-)
M'
Un sorrisone Paola!

il 02/09/2002 alle 16:38

...dolcissima questa "paura" di perdere il "filo" delle immagini...
...un bacio...simy

il 02/09/2002 alle 19:45


Paoletta, da parte mia un saluto ad Efrem, lo ricordo con vero piacere per la sua calda ospitalità

Luigi

il 02/09/2002 alle 23:50

Ciao Paola! Questo viaggio descritto sembra un po' la metafora della vita, che si affronta da soli, magari con dei ricordi alle spalle... e un sorriso nel cuore che ti sostiene... Bella!
Ciao
Axel

il 03/09/2002 alle 22:51