Pubblicata il 02/07/2009
Un rubinetto gocciolava
glic...glic...clic...
ed ogni tanto, gloc!
glic...glic...glic...
e poi di brutto, gloc!
Era il rubinetto dell'acqua calda.
Uffa, lo rimproverò
la rubinetta dell'acqua fredda
mi dai i nervi
con questo gocciolare e gocciolare!
E che ci posso fare
se quei cretini non mi serrano bene
così mi sta partendo la guarnizione
accidenti! rispose
tra il rassegnato e l'incazzato
il rubinetto caldo.
In quella casa c'era
un gran trambusto
coi fiocchi e controfiocchi
tutti correvano e urlavano
mangiavano in fretta
una botta ai denti, e via.
Nessuno si curava di nessuno
e ovvio, men che meno dei rubinetti
abbandonati in balìa del lavandino.
Quando il sole calava
le brache in faccia alla notte
e dagli scuri scassati del bagno
guizzava uno scherzo di luna
il rubinetto pregava con passione
la rubinetta di gocciolare un po' con lui.
E lei teneramente gocciolava.
  • Attualmente 0/5 meriti.
0,0/5 meriti (0 voti)

Carina e fantasiosa, mi hai donato un momento di simpatica allegria.
Ciao.
Gilella.

il 02/07/2009 alle 16:58

io sono come il tuo rubinetto gocciolo.
cg epalle sentire il rubinetto che gocciola

il 03/07/2009 alle 21:03

molto simpatica. adesso che ci penso ho il rubinetto che perde da tre giorni ma quasi quasi faccio gocciolare anche l'altro!!!!ciao

il 05/07/2009 alle 23:33

questa è da premio ! meravilliosab

il 15/07/2009 alle 23:33