PoeticHouse - Il Portale dei Poeti e della Poesia
Pubblicata il 07/04/2009
Non cambia la crosta dura del vero

Agli artigli s’appendono sorrisi di iene deformi

quel tanto che basta ad ingannare la colpa



Tumefatta scopre un cuore all’angolo della bocca

fra i denti

A masticarlo come ossesso della carne



(Disgelo in accordo perenne di bugie sature declina la fine )



Allodole finti pupazzi sciorinano beccheggi

Spinte alla deriva da mete insolubili nel tempo

Rimossa l’esistenza se ne scava un’altra a piccone

aguzzo



(Per un gettito d’ inconscio in groviglio)



Nel ricordare si sbriciola la memoria

di come eravamo al lume di candela disfatti

Sembrerebbe ancora mattino se l’aria non fosse

calcificazione d’osso



(Stretto)



Destinami al deserto che non voglio acqua

Destinami ai corvi che già planano curvi

In fondo alle dune la sabbia m’inghiotte

e con me l’assurdo potere di un senso spaiato

(E mai sciolto)

.........................................§Nightingale
  • Attualmente 5/5 meriti.
5,0/5 meriti (1 voti)

Mi mancavano le tue creazioni poetiche.

il 08/04/2009 alle 20:20

Davvero???? : )Grazie...e buona pasqua

il 08/04/2009 alle 21:39