Pubblicata il 06/04/2009
Seduto con gli occhi chiusi
respiro l'onere della mia solitudine

Idoli e maestri spesso cadono,
lasciandoti la pesante speranza
dell'insegnamento ricevuto.

Un codice, per te mai stritto,
che dominerà il tuo mondo

vedendo nel baratro, un brivido di reazione,
ti impone l'obbedienzia al patto,
o seguili subito.

Vinci i limiti, imponiti su cio che ti è imposto,
innalzati sul mare della tua stessa essenza,
e vivrai per sempre nella loro memoria

Durante il viaggio, resisti nel patto
e raggiungendo la tua scommessa, tu sarai uomo.

Un viaggio fatto di dolore, di solutidine,
di tentazioni, attirato da un mare,
che preverisce vederti morire in se ,all'essere sanato

la ricompensa
sta nel viaggio e nell'arrivo
tu vivrai, cosa che il mare non sa immaginare

Emozioni e colori,
brilleranno nel tuo sangue che scorre,
che sputi nella lotta, che odori nella passione.

Dentro questo silenzio, comprendo il valore della parola,
la forza e la ragione che vive,
la sua stessa fragilità, per chi non riesce a sostenerla.

Nella scelta che ho fatto,
sta tutto quello che sono,
che io e pochi altri chiamiamo
uomo.
  • Attualmente 0/5 meriti.
0,0/5 meriti (0 voti)