Pubblicata il 24/03/2009
L’arco creolo scocca
turgidi dardi verso me
risvegliando ribellioni.

Dietro un collo amazzone
intravedo la faretra colma
che presto su me si svuoterà.

Anche se chiudessi gli occhi
non riuscirei mai a fermare
quella grandine di fuoco.

Nel mio sangue che ora tracima
affogo e riaffioro boccheggiando
in cerca del tuo ossigeno biondo.

SabyGRIZZLY 2009
  • Attualmente 5/5 meriti.
5,0/5 meriti (1 voti)

wou ,è una guerriera,attento orsocesare RIPARATIIIIIIIIIIIII,bravissimo ,mi piaceeeeeee un abbraccione cate

il 24/03/2009 alle 20:18
Jul

Ma chi è questa walchiria che ti suscita tanto!
Brunilde?
Attento ai dardi!
Abbrrrrrrrrrrrrrrrrrrrracci,
Jul

il 24/03/2009 alle 20:48

"porcaccia la miseriaccia" direbbe il cumenda che vive vicino a casa mia...

Io ti dico: Papynoooo qui c'è aria di primavera!
goduta da cima a fondo ;-)

smack
liz

il 24/03/2009 alle 21:40

Perchè ripararmi se una lotta corpo a corpo può essere piacevole?
:-))
Un grrrrrande ciao
Cesare

il 25/03/2009 alle 07:08

Ah, Brunide che donna!!!!
Va beh, soccomberò col sorriso sulla bocca.
Un grrrrande ciao
Cesare

il 25/03/2009 alle 07:09

Hahaha il commenda tuo vicino ha lo stesso linguaggio che risuona da queste parti.
Chissà se è proprio la primavera e le sue raffiche improvvise a muovere le parole.
:-)))
Un grrrrrrrrrande abbraccio
CesarOrsoPapy

il 25/03/2009 alle 07:13