PoeticHouse - Il Portale dei Poeti e della Poesia
Pubblicata il 03/03/2009
Sono Dei immaginati
nei tuoi occhi
le pupille al cerchio
dell’anima
Un centro focale all’asse
le vertiginose discese d’impeto
che scindono addosso
le sfere di grigio fervore
Tocchi i muscoli e le arterie
Le sfinite pieghe della pelle
Antri rabbuiati e poi rotti di luce
Sono Dei immaginati
nei tuoi occhi
le alture di ghiaccio
per parlarmi senza voce
Così s’intendono le maglie chiuse
da un punto sconosciuto
E sgrani tenere spume al cuore
Mentre leghi me a te
Con ruggiti muti
..............................................§Nightingale
  • Attualmente 5/5 meriti.
5,0/5 meriti (1 voti)

splendida visione, in quegli occhi...
e quei ruggiti muti...
Molto bella, di spessore, come sempre
Un caro saluto
Axel

il 03/03/2009 alle 13:53

Grazie Axel...saluti cari

il 03/03/2009 alle 15:37

E' davvero meravigliosa!
Avrei voluto scriverla io!!! :-)
Posso farti una domanda?
Ti è capitato di scrivere altre poesie che parlano di occhi?
Per me sono una sorta di ossessione e, dal momento che adoro il modo in cui scrivi, mi piacerebbe moltissimo leggere tue poesie che parlano di occhi!
(Richiesta stramba?) :-)
Un caro saluto.
Alessia

il 05/05/2009 alle 23:22