PoeticHouse - Il Portale dei Poeti e della Poesia
Pubblicata il 27/02/2009
Rimanevo là,
stesa
come uno straccio di seta
sul tuo collo,
un dono sulla tua bocca
nel cantare per te
Rimanevo là,
la mano lenta nella luce fioca
e un piccolo pensiero
di meraviglia fra le gambe
C’è un suono
nell’ombra dove io dormo,
un’immagine ferma
di tenera gloria
.......................................................§Nightingale
  • Attualmente 5/5 meriti.
5,0/5 meriti (1 voti)


A mio parere sei molto + di uno straccio di seta

smack
liz

il 27/02/2009 alle 09:21

Grazie Ulisse. Buona giornata anche a te.
Nightingale

il 27/02/2009 alle 09:37

a mio parere sei un intera pezzatura di finissima seta. molto bella questa poesia

il 27/02/2009 alle 09:37

Certamente si,concordo...: ) Bello però abbinare il fruscio e la preziosità della seta con il povero straccio usato e gettato casualmente in attesa che venga....riusato.....: )In fondo,sono stati d'animo nobilitati dai gesti d'amore...grazie per la tua visita e buona giornata.
Nightingale

il 27/02/2009 alle 09:41

Grazie anche a te per l'interesse e l'apprezzamento. Saluti
Nightingale

il 27/02/2009 alle 09:42

piccole gemme di grande caratura.
Molto bella.
Ciao
Axel

il 27/02/2009 alle 09:47

Grazie. Alla seta abbiamo aggiunto le gemme....
Ciao, Nightingale

il 27/02/2009 alle 09:52

Molto, molto bella, complimenti

ciao
helan

il 27/02/2009 alle 12:36

Grazie helan. Saluti
Nightingale

il 27/02/2009 alle 21:15