Pubblicata il 14/02/2009
Sul mio destriero bianco
inseguo fantasmi d’un passato mai morto,
il braccio è forte, la spada affilata,
con un colpo ben assestato
riceverei la mia soddisfazione!
Ma il timore che quella morte
mi trasformi in demone
è assoluta certezza!
Non cederò dunque,
alle lusinghe dell’orgoglio,
e il mio braccio resterà lungo il fianco,
abbasserò lo sguardo
e lascerò che sia Dio a compiere
il suo lavoro.
  • Attualmente 5/5 meriti.
5,0/5 meriti (1 voti)

tu no! non alzerai mai la mano assassina per interrompere la vita e la sofferenza di quell'anima alla quale sei legato da amore viscerale. tu non sarai mai preda di quel demone che vuole sostituirsi a Dio. Bravo, mi hai commossa.

il 14/02/2009 alle 13:19

Mi piace il tuo tono da "anti-crociata"...
è quasi un messaggio pacifista anche se parla di te.
Cari saluti
A presto
Y

il 14/02/2009 alle 14:03
ram

Spesso è difficile frenare
la propria ira.
Il tuo invito a lasciare spazio
alla provvidenza (Dio) è un
saggio consiglio.

Ciao Davide

il 14/02/2009 alle 14:40

La mano l'alzerei verso chi, in questo momento, non sta facendo il bene di mia madre. Il "Demone" è quello del risentimento, dell'odio, della vendetta, verso chi non è capace di comprendere i reali e profondi bisogni di una donna sofferente. La mia "resa" non è un atto di vigliacccheria, ma una presa di posizione precisa: non lasciarsi coinvolgere oltre l'aspetto razionale. Un abbraccio, Fabio.

il 14/02/2009 alle 16:10

Ma oggi un'altra umiliazione ... anche se dovrei dire che l'ha ricevuta mia madre. Ciao, Fabio.

il 14/02/2009 alle 16:11

Hai ragione. In questo periodo sono molto incazzato e le persone che mi hanno visto crescere nemmeno immaginano chi sono realmente. Non conoscono la mia forza interiore, la mia profondità d'animo, la mia determinazione verso il bene. Ma presto capiranno ... Ciao, Fabio.

il 14/02/2009 alle 16:14

naturali diatribe familiari che insorgono quando il malato è visto come un "Peso" nenche io ne sono rimasta immune con i miei parenti prossimi carissimo..è una trafila obbligata coraggio. ci vuole solo coraggio fede e Amore, e a te queste virtù non mancano

il 14/02/2009 alle 16:26

Bravo Fabio, sii orgoglioso di come sei e di come
la pensi. Tu, come ho capito, sei un uomo di fede
e fai bene ad affidarti a Lui che tutto vede e a
tutto provvede. La tua coscienza è a posto, il tuo dovere lo fai, ti resta solo il dolore e la rabbia che
dovrai controllare...ed essere sereno.
Un caro saluto
helan

il 14/02/2009 alle 21:46

Un identikit nel quel mi ritrovo. Ciao, Helan. Fabio.

il 15/02/2009 alle 08:15
ram

Fatti rispettare, ma per la tua moderazione ;-)

il 15/02/2009 alle 14:24