Pubblicata il 02/12/2008
Dopo molti giorni,
dopo molte notti
lei è tornata nei miei sogni

Subito ho riconosciuto
la nostra spiaggia
immersa nella luce dorata del sole,
nel mormorio della risacca,
nel fruscio della brezza
tra le foglie delle palme.

L'ho cercata,
l'ho vista
seduta sullo scoglio
osservare pensosa i suoi piedi nudi
che giocavano nella risacca
sul bagnasciuga.

Ha alzato lo sguardo,
mi ha visto
e sul suo volto
è sorto un sorriso
come un'alba di giugno
limpido e luminoso.

Sempre sorridendo
si è alzata,
la testa chinata
lievemente di lato, sulla spalla.
Ha alzato la mano
in un piccolo
cenno di saluto.

Si è voltata.
Si è allontanata
camminando sul bagnasciuga
col vento che giocava
coi suoi lunghi capelli.

Sono rimasto
a guardarla andar via
tra l'ombra delle palme
e il sole dorato della spiaggia.
E la risacca.
  • Attualmente 5/5 meriti.
5,0/5 meriti (4 voti)

una visione...

il 28/10/2013 alle 12:14

Ho avuto modo di leggere tutte le tue poesie che delineano l'ombrosa figura, portatrice di pace... in ogni testo ho sentito parti di me, che ora non ho più, e parti di me che ancora ritornano come sogni indesiderati....spero che lei si sia allontanata e ritorni solo nella lontana ora del tramonto... commosso e preso dalle tue parole, di queste tue poesie, ti saluto, un piacere averti letto, andrea

il 21/01/2014 alle 02:16

E io ritorno come in pellegrinaggio sulle tue tracce a chiedermi se Lei ritorna ancora a rivolgerti i suoi ammalianti inviti...se ci sei ancora, tu, amico Solo.

il 21/01/2014 alle 07:17