Pubblicata il 13/11/2008
TrediciNovembreDuemilaOtto

Batte un pensiero acquoso sul davanzale
L'umidità di un novembre piovoso e grigio
mi è entrata dentro, scricchiolando l'ossa

E pensare che nove mesi fa sarei potuta essere madre
E silenziosamente invece creatura non nacque
E dentro al cuore avevo il sole e nelle mani primavera

Liquido amniotico come goccia di pioggia d'universi
sterile il richiamo alla libertà
I figli crescono e partono verso la loro vita futuribile

Non si possono trattenere
come feti nel ventre
come sogni perduti
  • Attualmente 0/5 meriti.
0,0/5 meriti (0 voti)

intensa...come la pioggia che bagna le nostre vite.
ciao cara.
Klavier

il 13/11/2008 alle 21:12

che bella che è.un saluto affettuoso

il 13/11/2008 alle 21:20

Credo non ci siano parole opportune per commentare i tuoi versi e i tuoi ricordi.

un abbraccio.
Maria

il 13/11/2008 alle 21:58

i sogni s'involano ,rimangono sospesi ,un grande abbraccio ,cate

il 13/11/2008 alle 22:09

Difficile commentare questo tuo dolore, cara Liz, che ci esponi come un sogno perduto.
Tristemente e affettuosamente ti abbraccio ascoltando la pioggia che il cuore scolora.
CesarPapyOrso

il 13/11/2008 alle 22:29

L'esperienza che ci racconti con voce accorata esprime il tuo profondo dolore, ma anche la forte nota di amore per la vita.
Una dolce carezza
mati

il 13/11/2008 alle 22:31

ogni cosa ed ogni vita
ha il suo destino...
ti auguro
ciò che desideri avvenga..
domani

il 13/11/2008 alle 23:59

tutto quello che si possiede fluisce, cambia o finisce, solo la memoria ripercorre trame a infliggere aghi di sole nell'anima

un abbraccio autunnino con le rosse foglie dell'acero canadese a spezzare il grigio

il 14/11/2008 alle 07:24

"Non si possono trattenere
come feti nel ventre
come sogni perduti"
Non é mai come si vorrebbe fosse..
i sogni perduti..ci saranno sempre
anche per chi i figli li ha effettivamente avuti.
Nessun essere, anche se nostro, ci potrà mai appartenere totalmente e le date,
i calcoli sono solo
fragili speranze disilluse.
Ciao Cn (V.5)

il 14/11/2008 alle 08:46

Oggi è uscito un timido sole
Un bacio carissima

Smack
liz

il 14/11/2008 alle 15:34

Affettuosamente ricambio, Andrea

Smack
liz

il 14/11/2008 alle 15:35

Caro Vincè, oltre a concordare con te, affermo che sono i bimbi a scegliersi i genitori, prima ancora di nascere

Grazie e Smack
liz

il 14/11/2008 alle 15:37

Abbraccio ricambiato, Maria, Grazie
smack
liz

il 14/11/2008 alle 15:37

si, è vero Cate
Smack
liz

il 14/11/2008 alle 15:38

La memoria infligge a volte aghi di sole nell'anima
Per fortuna nn sempre.

Belle le foglie rosse, son le mie preferite, così come il sole d'autunno.

Smack con abbraccio
liz

il 14/11/2008 alle 15:39

Grazie Papyno, il tuo abbraccio è ristoratore.

Uno smack a te
liz

il 14/11/2008 alle 15:40

Grazie Mati ho apprezzatola tua dolce carezza
smack a te

liz

il 14/11/2008 alle 15:41

Grazie caro Pirro, per il tuo amichevole augurio

smack
liz

il 14/11/2008 alle 15:42

Felice che abbia apprezzato caro BSF

Smack
liz

il 14/11/2008 alle 15:42

E' vero Carmen
non è mai come si vorrebbe fosse
Grazie e smack
liz

il 14/11/2008 alle 15:43

Tristissima... ma confido tanto nel timido sole apparso oggi, mia cara Liz
Baci
Axel

il 14/11/2008 alle 16:30

Grazie Ax

smack
liz

il 14/11/2008 alle 17:11

Si, carissima Sorellona.

Un abbraccio e buon FS
smack
liz

il 14/11/2008 alle 17:46

noi siamo come l'arco che lancia i figli verso il futuro, come diceva il poeta Gibran.
com'è intensa e sentita liz!
un abbraccio
lilli

il 14/11/2008 alle 21:55

Proprio così Liz, non si possono trattenere,
anche se vorremmo...

bises,
m.

il 14/11/2008 alle 22:22

Bises a te Mau
smack
liz

il 15/11/2008 alle 00:05

un gran bell'aforisma
smack e grazie
liz

il 15/11/2008 alle 00:06