Poesie presenti nella categoria: Montagne dorate

Le Poesie Pubblicate Oggi

la taccolta (in)differenziata
Pubblicata il 20/04/2021
La raccolta (in)differenziata lo è davvero rispetto ai luoghi!

abbiamo avuto e abbiamo tanta paura tanta
di aver per dono un pozzo di ettari centottanta
sarà assai più grande di quello capitale
che per motivi illogici è “stradimensionale”.
il nostro è il “formichese” è proprio madornale
nessuno qui lo vuole ma questo è … marginale.

un tempo eran gabelle e adesso son tabelle
è zona militare terra da recintare
chi la trapassa muore si deve giustiziare
anche se qualche lacrima volesse lì versare.
spaccone non sarà più il pero Formicoso
sarà sommerso e offeso da traffico mafioso.
spaccone non sarà più il pero Formicoso
sarà sommerso e offeso da traffico mafioso.

c’hanno fatto ridere ma non fatto gioire
arguzie e barzellette da un bricconcello dette
e c’hanno detto niente teste dette pensanti
che colme d’aria asfittica scoppiate sono di vanti
ma le ritrovi strano di nuovo tramutate
in qualche lista civica al luogo presentata.

quest’è democrazia evviva gli istrioni
ogni somaro è buono purché porti poltrone.

intanto in ogni angolo buco mancino e scuro
puoi ritrovar di tutto sopra bottiglie nere
e gli angoli sono tanti in tutte le contrade
se non ne trovi una hai vista un po’ annebbiata
a tutte le ho difese o a tota o a gentile
in ogni torrentello trovi munnezza a via;
e hanno detto che la colpa è pure nostra
che non sappiamo tenere la roba bene riposta
ma chi è quell’insensato che stiva sotto l’erba
barattoli e bottiglie di birra e di conserva
e sotto i ponti e arcate la fanno da padrone
con macchina rottamata la gomma col cerchione.

ci sono bandiere al vento forse mai degradate
attorcigliate agli alberi da sempre stanno issate
e fra i cespugli trovi cose d’ogni colore
nei campi seminati incolti e sgovernati
l’elenco è troppo lungo della “sciaorteria “
pochi ne sono accorti di questa pandemia.

così se c’è riunione con tele ecologia
con file di bicchieri e casse di bottiglie
(di plastica ovviamente) con frasi dette e scritte
e mani bene strette (fraternamente)
ma poi nessuno resta per quella plastica da portare via.

autorità di qua autorità di là
chi dice che puoi fa chi dice che non puoi fa;
chi sale sopra i tetti per fare un pisolino
e chi farà digiuno portandosi un panino
chi brama la galera per questo e non per quanto
hanno tolto di sottecchi come volponi vecchi.

da anarchici ed eroi si sono incatenati
nessuno li ha ripresi nemmeno intervistati
mi butto non mi butto diceva il guitto ardito
ai commedianti complici più lieti che impauriti.

ed i pompieri vengono ed i pompieri vanno
per spegnere l’ardore ancora devastante.

campane che non suonano tante ne hanno sparse
cassoni e cassonetti di forma assai diversa
molti si sono rotti per scarsa comprensione
altri sempre stracolmi si stendono a corona
su uno han scritto plastica sull’altro c’è cartone
a fianco metti carta ma dentro a un campanone;
per stoffa non ce n’è nemmeno coi bottoni
che vanno messi a parte però ci sta il bidone
e l’olio di motore oppure di frittura
che la nonnina attenta conserva con gran cura
partiti e ben distinti i gruppi e separati
in un grosso vagone poi vengono “ divisi”..

saggezza popolare cui spesso si riferisce:
“nessuno mai separi ciò che si unisce ( ma si brucia).

di mettere una tenda un prete vuol permesso
per consentire al vescovo di celebrare messa
il vescovo promette con molta convinzione
che parlerà col papa per una petizione
e intanto che decidono parte la processione
di camion dell’esercito per far la recinzione.

ora che l’hanno tolta la tenda hanno lasciato
dei fiori molto seccati e vasi plastificati
a fianco una bandiera a un albero legata
ha spento il rosso e il verde e il bianco che è restato
forse sta ancora scritto su una casa antica
per bianco e per de-dé daremo pure la vita.

e poi l’han preservata per darla a un burlescone
che non promette mari che non promette monti
ma che mi dà maroni più fini e più rotondi
che puoi trovare solo nel super Mercatone
che puoi trovare solo…

e intanto quei soldati finito hanno il recinto
quella battaglia fatta non sanno se hanno vinto
non sanno cosa fare ma debbono tacere
e se così non fosse dove sarà il piacere
di avere fino in fondo fatto il proprio dovere:
che l’hanno persa è certo qualsiasi cosa accada
e chi li ha comandati è giusto che se ne vada
(nel Nevada nel Nevada).

vediamo che quei giovani costretti ad obbedire
dovrebbero pensare di meglio poter fare.
se non lo fanno adesso non lo faranno più
perché è troppo tardi o non saranno più:
per primo dire a tutti che l’acqua si può bere
usando una bottiglia di vetro con il bicchiere.
l’acqua che abbiamo in casa è più sicura e sana
certamente migliore di quella stipata in una vetrata
che dopo l’uso e getta la trovi anche sui tetti
e intanto ce ne sta ma circa la metà della raccolta fatta.

chi produce e vende col nuovo che ti cede
deve portarsi indietro quanto di vecchio vede
tutto quanto è possibile che deve smantellare
per ricavarne roba da usare o riciclare
del nuovo che produce deve privilegiare
ciò che per sua natura si può riutilizzare.

via per sempre via via dalle strade e dalle piazze
campane e cassonetti di tutti i tipi sparsi
son piccole discariche deposte a cielo aperto
dove è raccolto il tutto il certo e non l’incerto
a casa è la raccolta e fatta porta a porta
non è la trasmissione ma è la soluzione.

e incenerire è il massimo del peggiore dei rimedi
perché produce polvere che respiri e che non vedi
ma che comporteranno in tempi lenti o veloci
anche prima di nascere, a scempi e strazi atroci
i sedicenti grandi ed i potenti si sa che già lo sanno
ma a loro poco importa il danno fatto e che faranno;
per loro ciò che conta è l’aumento del bisogno
degli altri che, per sé stessi è aumento di guadagno,
e da irresponsabili quali sono, e se lo son sancito,
sanno anche che mai pagheranno e resteranno impuniti.
forti del detto che: se a farlo è stato il re
siamo sicuri che errore non ce n’è.
gli altri che non contano rimangono convinti
e i miraggi esistono davvero e ne rimarranno avvinti.

speranzespietatenmsdicemoto
  • Attualmente 5/5 meriti.
5,0/5 meriti (1 voti)

una bella denuncia, bravo Nino, come non condividere...

il 20/04/2021 alle 23:37

Le Poesie Pubblicate ieri

furmecuse libero
Pubblicata il 19/04/2021
Furmecuse buone sta e mai nisciune l’adda scunza!
furmecuse eredità cumme l’imme avute l’avimma lassà.

furmecuse è nuostre, Furmecuse è terra tosta ca nisciune
po’ tuccà ca nisciune po' allurdà.
furmecuse è terra, terra di lavoratori sazie sule re fatia re
surate e re paure.
furmecuse è nire, Furmecuse è pire, è nu pire spaccone
ca nun crerea li nbrugliune.
furmecuse è viente ca nun vole traremiente ca tempesta se farrà
contre a chi lu vo’ guastà.
furmecuse è acqua ca la terra totta nbregne e ca ciente e chiù funtane
tutt’attuorne po’ sparpaglia.
furmecuse è liette ca re vierne se cummoglie cu na neve cumme a stelle ca lu sole sule assoglie.
furmecuse è ciele ca la luna chiena attonne, Furmecuse è pena ca nge fa perde lu suonne.
furmecuse è connela re fegliuole inte a la fassa ca la mamma ca zappavase purtava semp’appriesse.
furmecuse è tummele, mezzacota o nu mezzette c’a a lu zite re la figlia
ogne attane le prumette.
furmecuse è surche, Furmecuse è pertecara, Furmecuse è faucia pe taglià l’ereva amara.
furmecuse è grane ca te rà lu meglie pane c’ho sfamate a criature puveriegzeo re signure.
furmecuse è grane, Furmecuse è paglia, Furmecuse ogne battaglia e ogne guerra vinciarrà.
furmecuse è aria, aria fina e prufumata, Furmecuse è osche fitte ra palitte aggementate.
furmecuse è ricche ma mo l’hanne appezzentute, gente senza scrupele ca cull’aria s’è arreccuta.
furmecuse è terramote c’a a nisciune ho maie accise, Furmecuse è mo’ accisera chi avesse restà appise.
furmecuse è lebbre ca lu cane ove stanate, Furmecuse è chiumme ca lu stateove sparate.
furmecuse è niglie ca pe ll’aria se mantene, Furmecuse è serpa ca s’accova int’à la tana.
furmecuse è gregze ca se mette a sonasone, Furmecuse è triste cumme è triste sta canzone.
furmecuse è sole ca quann’esse tutte abbaglia, Furmecuse è la vreogna re chi l’ole mmulutrà
furmecuse è storia maie assegnata pe lezione, Furmecuse è storia re curagge e ribellione
furmecuse è nureche ca te siente scenne mbiette, cat’ulisse assoglie subbete ma ngè chi nu ru permette.
furmecuse è Toppa e na toppa c’hanna cose li putiente ca nun fanne differenza tra re cose
furmecuse è spazio apierte senza manche na supala, sule quacche cecaslupe, spinapolece o revetale.
furmecuse è recentate cumme a campe re turtura, Furmecuse è crucefisse corda spina a capa nura.
furmecuse adda esse libere cumme è state ra tant’anne, carcerame a quiri trubbechec’hanne avute già cundanne.
furmecuse è cosa seria ca nisciune vo’ capì, Furmecuse è na rusegza ca l’addore fa sentì.
furmecuse è agli arresti, agli arresti domiciliari condannato no ra giurece ma ra stubbete senza core.
furmecuse è Silvio Pellico che scrivendo decretò la caduta di un impero che un popolo affamò.
furmecuse è Muzio Scevola ca lu punie s’appicciave, Furmecuse è onor di popolo che nisciune mai macchiave.
furmecuse è nu crestiane ca nge conta verità ma ruffiane e capaddozie l’hanne luate la libertà.

accussi recia na nonna, accussì recienne tanne “ chi rice la verità se mereta r’esse accise o re perde la libertà”

pe la strada re Furmecuse l’agge truata na pettenessa, stamece attiente a tanta fesse ca nge volene stravesà.
pise, pise pisille, sta discarica la vole chille, chille è lu chiù fetente e re ettare n’ole treciente.

formicoso libero da ogni munnezza anche mentale

ninomarioscotece s.t.
  • Attualmente 3.66667/5 meriti.
3,7/5 meriti (3 voti)

Le Poesie Pubblicate Nell'Ultima Settimana

le PAle eoliche sul castello
Pubblicata il 15/04/2021
per i bendati
da fette di prosciutto
in foto c’è del bello
e c’è del brutto
il brutto certamente
sarà il castello
mentre le “innate pale”
sono il bello.

orspettalcampanilenms28settembre2016
  • Attualmente 3/5 meriti.
3,0/5 meriti (2 voti)

Le Poesie Pubblicate Nell'Ultimo Mese

Coppie innamorate
Pubblicata il 14/04/2021
Camminano sulle parole dolcissime
che incorniciano i paesaggi.
battono nel tempo un tempo contemporaneo
di tenerissimi gesti.
momenti di indimenticabili immensi.
camminano e sognano ad occhi aperti
inesplorate terre dell'animo
dall'incoscienza conquistate.
fuggono lente senza opporsi
all'apparenza dei sensi.
coppie che fondono.
innamorate.
  • Attualmente 4/5 meriti.
4,0/5 meriti (6 voti)

Sembra la giornata dell'amore leggero oggi...bella!

il 14/04/2021 alle 12:20

Grazie Jim. Serena giornata.

il 14/04/2021 alle 12:21

Giornata splendida, l'amore vince...

il 14/04/2021 alle 14:39

Sono contento Ninetta. W l'amore. Un abbraccio.

il 14/04/2021 alle 14:47

Le Poesie Meno Recenti

Evapora...il cuore...
Pubblicata il 02/08/2013
….Se fosse ferma…la mia mano..
frenata sulla pelle dopo l’ultima carezza…
ad attendere il tuo sonno…
e se fosse il mio guardarti respirare..
il potermi immaginare protagonista del tuo sognare..
in un tempo che scorra lento e lieve…
per attendere sereno il tuo risveglio..
e poterlo render dolce con un bacio…
colorato dal primo raggio di sole al nuovo dì…

potrei aver desiderio dell’infinito..
poiché…
mai vorrei che finisse quell’istante…
in cui anche la notte…
non potrebbe separarci…
e non potrebbe dar riposo alla mia mano..
non potrebbe dar riposo ai miei occhi…su di te….

e potrei entrare nel tuo sonno e fare un film…
..potrei essere il tuo eroe preferito…
con il cuore armato di un Amore..
che potrebbe anche uccidere…
se la notte…non mi risparmiasse il sonno….
per poterti dolcemente accarezzare….
e…mi è dolce,infin pensare…che di tutto,di tutto…
l’infinito…siamo Noi….

un kissssssssssssssssss ed un Jolly-smileeeeeeeee a tutti 
banny.
  • Attualmente 4/5 meriti.
4,0/5 meriti (6 voti)

Infinitamente serena! Bella!

il 02/08/2013 alle 14:29

Grazie Sir un abbraccio ed un Jolly-smileeeee :-) banny.

il 02/08/2013 alle 14:43

Un'elegia d'amore sconfinato che toglie peso alle ipotesi per eternare quell'attimo che unisce i corpi e i cuori. Elegante e vigorosa nell'uso del lessico.

il 02/08/2013 alle 16:12

Parole d' amore che evaporando lasciano un profumo di buono. Complimenti,patty

il 02/08/2013 alle 16:45

grociolante tenerone ,bravo salutoni

il 02/08/2013 alle 18:52

dolce e sospirata la bellezza dell'amore che diviene infinito, complimenti, andrea.

il 02/08/2013 alle 20:54

Mi piace pensare all'amore che vivifica non che uccide , Bunny, quell'amore a cui non bastano ventiquattro ore al giorno per essere interpretato e vissuto e che anche nel sonno e nel sogno cerca di varcare la bariere dell'io per un fusione superiore trascendente la carne per raggiungere le vette a cui solo il sentimento può assurgere....versi intensi questi per essere solo parole...sergio

il 03/08/2013 alle 06:15

Son felice di avervi letto Banny e di aver saziato la mia anima con la ricchezza e la dolcezza infinita dell'amore scoperta nel suo scritto ... volo ancora si volerò sempre più su' . Nelly

il 03/08/2013 alle 12:06

letta e riletta , meravigliosa. leggera come una soffice nuvoletta , i miei complimenti. pupetta

il 03/08/2013 alle 12:56

l cuore evapora, a codesti versi d'amore. e…mi è dolce, infinito pensare…che di tutto, di tutto… l’infinito…siamo Noi… Bravo poeta!. Un abbraccio. Dora

il 03/08/2013 alle 20:35

vi ringrazio tutti di cuore,continuerò sempre a decantare l'Amore...l'unica ragione che può giustificare la vita...vi voglio bene,grazie. Un Kissssssssssssssss ed un Jolly-smileeeeeeee a tutti. :-) banny

il 05/08/2013 alle 10:41

Il tuo stile inconfondibile. .. bellissima! :)

il 09/08/2013 alle 08:13

Il tuo stile inconfondibile. .. bellissima! :)

il 09/08/2013 alle 08:14

Smackkkkkkkkkk Gioia t.v.b. Grazie! un kissssssssss ed un jolly-smileeeeeeeeeeeeeee!! :-)

il 19/08/2013 alle 21:02