Poesie presenti nella categoria: Montagne dorate

Le Poesie Pubblicate ieri

la per la
Pubblicata il 23/05/2019
polpi volpi polli:
quando la famiglia è tutto
e tutto è un parapiglia.

magnateomagnetenms23maggio2019
  • Attualmente 3/5 meriti.
3,0/5 meriti (1 voti)

Le Poesie Pubblicate Nell'Ultimo Mese

morso di mela
Pubblicata il 09/05/2019
non si può pensare
di acculturare un popolo
e nel contempo rinunciare
ad educare di quel popolo
parte del suo futuro.

ilmiodirenonnonsivendenmsnovemaggioventidicoiannove
  • Attualmente 2.5/5 meriti.
2,5/5 meriti (2 voti)

Mi incuriosisce, hai voglia di chiarirmi il senso di "...ad educare di quel popolo parte del suo futuro". Te lo chiedo perché, letta così, suona un po' preoccupante... Grazie.

il 09/05/2019 alle 15:41

PS ho dimenticato il punto interrogativo...

il 09/05/2019 alle 16:26

metto mai virgole per dare a chi legge la possibilità di dare il personale valore ai pensieri che cerco di esprimere nel modo più semplice possibile poi tocca a chi vuole spiegarne le deduzioni Ciao Eriot io sono ninomario scotece e se vuoi puoi trovarmi su fb or anche su youtube mentre non riesco ad aprire il tuo url

il 10/05/2019 alle 11:32

Grazie della spiegazione, ma anche se metto virgole in modo vario, non ne vengo a capo. Sull'url hai ragione, non va (chiederò lumi). Se vuoi copialo e incollalo sul tuo browser. Saluti.

il 10/05/2019 alle 18:11

Le Poesie Meno Recenti

FUGA DA ITACA
Pubblicata il 03/12/2002



Gonfia la vela al vento
che pietoso
mi porterà lontano

quel che lasciai
più non ho trovato

soffia forte vento
portami laddove il cuore
possa trovare una volta ancora
la parola Amore

ed un sorriso
quando la sera scende
e mi offra il suo calore

straniero sono ormai
là dove sono nato
straniero il mio cuore
sempre più è divenuto

la sete ho placato
di conoscenza ambita
pensieri, storie, sogni
ma nessuno l'ha voluta

soffia forte, vento
in quest'ultima rotta
affido la mia vita

forse solo il viaggio
resta
l'unica patria amica.

  • Attualmente 5/5 meriti.
5,0/5 meriti (1 voti)

Di grande suggestione lirica ed emotiva quest'immagine di un Ulisse che,stanco,disilluso,straniero nella sua stessa patria,riaffronta nuovamente il mare aperto,pur avendo tutto appreso,e tutto vissuto.
Cosa gli accadrà in questa sua nuova peregrinazione?Ciao.

il 03/12/2002 alle 15:56

Luigi come l'Ulisse in viaggio verso l'approdo che l'anima colmi di sereno amore. Malinconica ed invocativa ma sempre desto il tuo desiderio caro L. Bellissimi i versi conclusivi dove nel viaggio stesso può risiedere ancora l'unica forma di appartenenza.
Un abbraccio!
Max

il 03/12/2002 alle 16:24

unici i tuoi versi fratellino baci ester

il 03/12/2002 alle 16:41

Un grande amico mio anche lui "navigatore" impiegò parecchi anni per ritornare nella sua amata terra Itaca. Ulisse aveva un cuore in attesa d'amore.
Il tuo canto è molto melodioso ma malinconico al punto giusto e mi fa pensare alla tua voglia di "viaggio" che sai intrendere con grande sicurezza. arriverà Luigi, arriverà all'orizzonte un nuovo porto dove approdare tutte le tue malinconie.


Abbiamo un Novello Omero????...ahahahha
;-)
Un sorriso Amico!
;-)
M'

il 03/12/2002 alle 18:38

...non ha più importanza
La sua casa, la sua donna non l'hanno aspettato, l'hanno lasciato libero di cercare altre emozioni e l'hanno dimenticato.
Itaca non c'è più.
E nel suo cammino userà l'esperienza accumulata precedentemente, ma che importa ormai dove lo condurrà ?

ciao
Luigi

il 03/12/2002 alle 21:07

...quando si è tanto viaggiato, non ci si sa più fermare ed in quel cammino di speranza risiede il proprio destino.
Apolide dalla terra e dagli affetti

ricambio l'abbraccio
Luigi

il 03/12/2002 alle 21:15

ciao sorellina

L.

il 03/12/2002 alle 21:16

Ma...Ulisse non era tuo zio ???

Un nuovo porto, Amico mio ?
L'hanno costruito ?

Le malinconie fanno parte di me, come una seconda pelle, non c'è porto che mi possa cambiare.

Altro che novello Omero, nemmeno il vecchio è esistito.

Ciao Piratone

Luigi

il 03/12/2002 alle 21:21
flo

Caro Luigi,
voglia di fuga, voglia di trovare nel perenne movimento una quiete definitiva dell'anima.
Ma se ci pensi, sono belli anche i ritorni!
Poesia molto profonda, complimenti a te.
Floriano

il 03/12/2002 alle 21:39

Caro Luigi, in un commento di qualche giorno fa, ti dicevo che respiravo l'aria di un tramonti dantesco (già era l'ora che volge.......).
Qui è la saga dell'avventura che colpisce. Il viaggiare per viaggiare come méta.
Ieri in un commento alla mia poesia, ricordavo un vecchio detto tedesco: la méta del cammino è il cammino!
L'importante è vivere; quel o chi si incontra costituisce l'incognita. Il porto può non esserci.
Molto bella e profonda.
Un caro saluto
Er

il 03/12/2002 alle 22:46

...nel ritorno, c'era la speranza
...nella fuga, la disillusione

verso una realtà, magari

Luigi

il 03/12/2002 alle 23:05

...ed io viaggio
con la delusione nel cuore
ma una speranza per guardare
oltre il mare dei miei sogni
verso un'isola
di nuove realtà

com'è fatto uno strabacio ????
dimmi dimmi

Luigi

il 03/12/2002 alle 23:08

...forse mai più mi attenderà l'approdo
ma in quell'eterno vagare
troverò il completamento di una vita

leggendo un commento che ti riguardava
un tuo compare di lavoro ti accusava di un nuovo nick
ma non è lui che ha 4 gatti ?
...e tu non ami i cani ?
Mahhh

Luigi

il 03/12/2002 alle 23:14

ancora, dai ancora e ancora

:-))))))))))))))))))))))))))))))

il 03/12/2002 alle 23:15

ciao piccolino

il 04/12/2002 alle 09:16