Poesie presenti nella categoria: Il diavolo e il sacro

Le Poesie Pubblicate ieri

Pubblicata il 10/12/2019
Per far scomparire una
qualsiasi civilta' , basta
innestare in essa una
meno evoluta.

della serie (Binari transennati come nel terzo mondo )
  • Attualmente 3.83333/5 meriti.
3,8/5 meriti (6 voti)

A volte è quella più evoluta a far scomparire quella meno evoluta. Non certo per innesto mal riuscito.

il 10/12/2019 alle 20:38

evolute o no le cose hanno un inizio e una fine, in genere le civiltà meno evolute poi rivitalizzano quelle evolute che in genere si sfiancano da sole....

il 10/12/2019 alle 21:07

Come siete profondi.. Stavo pensando chissà per quale ragione alla serie su sky la guerra dei mondi... Non tanto fantastico, ci arriveremo....

il 11/12/2019 alle 06:04

E' vero Genziana quando quelle evolute diventano Banche tutto e' guadagno e noi stessi piu' evoluti diventiamo dei limoni da spremere e quelli meno evoluti shiavi .purtroppo ci vorrebbe un reset.

il 11/12/2019 alle 08:25

Arturo l'evoluzione e' un arma dal doppio taglio che puo' portare una civilta' all'involuzione,e cio' che sta succedendo nella vecchia Europa gli innesti che si stanno creando servono solo per rendere gli schiavi piu' perfetti e servizievoli,sta nascendo il nuovo umanesimo,ma non come lo vorrebbe una societa' perche' e' l'elite che con tanti soldini finanzia l'ingegneria sociale facendola diventare una lotta al massacro

il 11/12/2019 alle 08:31

Da una parte Ginni ti do' ragione perche' ora come ora solo menti aliene potrebbero tirare fuori il mondo da questo casino.ma gente in gamba esiste in ogni civilta' chi piu' chi meno

il 11/12/2019 alle 08:33

...In effetti, caro Paolocci, ti devo dare ragione...qui a Torino (sigh!!) alcuni elementi si sono riuniti per recitare il rosario in favore di Salvini...la "civiltà" sta precipitando in un baratro dove l' orrore si spande a velocità della luce...il nome della Madonna pronunciato da quelle bocche infami grida vendetta...latet anguis in herba...

il 11/12/2019 alle 18:54

Le Poesie Pubblicate Nell'Ultima Settimana

L arte del dolore
Pubblicata il 08/12/2019
Il dolore non ha scuola,
la sofferenza fisica e mentale
impari a gestirla ad episodi.
forse solo un poeta, un' artista
riesce a camuffarla, la gestisce
creando immagini lontane di
bellezza, quando diventa troppo
pesante il suo fardello.
anche il dolore sarà
un' arte, piano piano,
ogni giorno di più.
  • Attualmente 3.16667/5 meriti.
3,2/5 meriti (6 voti)

Purtroppo non c'è una ricetta per combattere il dolore ed è difficilissimo camuffarlo! Un saluto

il 08/12/2019 alle 08:35

Occorre conviverci poi si sente meno- ottimo il pensiero

il 08/12/2019 alle 08:41

Non è vero, io sono costretta a camuffarlo.

il 08/12/2019 alle 16:46

Le Poesie Pubblicate Nell'Ultimo Mese

Signore, ascoltami !
Pubblicata il 18/11/2019
Sono stufo di pagare imposte e tasse
ad uno Stato che frega a man basse!
se potessi disporre di un paio d'ali,
andrei a vivere fra i volatili occidentali!
fischiano ma non leggono né scrivono!
certamente meglio di tutti noi vivono!
non hanno politici che rubano le loro piume,
per farli cadere infreddoliti dentro un fiume!
si alimentano con ciò che offre la natura,
insetti, vermi, frutta ed ottima verdura!
non hanno nessuna legge da rispettare.
vivono liberi, mai sono andati a votare!
sono tutti uguali, non hanno capitali!
non usano moneta e non fanno la dieta!
la mattina di buonora si alzano in volo,
anche senza il via della torre di controllo!
atterrano di preferenza in mezzo all'orto
e nessuno domanda a loro il passaporto!
arrivano silenziosi, non fanno alcun rumore.
sarebbe un inferno se avessero un motore!
signore, Ti prego, trasformami in un cuculo,
così potrò dire ai politici: "andate a fankulo!"
col loro frega, frega anche Venezia annega!
nessuno riuscirà a salvarla, neppure la Lega!
  • Attualmente 4.83333/5 meriti.
4,8/5 meriti (6 voti)

Bravissimo..anche io vorrei essere un uccello per volare via da tutto questo,ciao!

il 19/11/2019 alle 12:40

... ormai i disastri fanno parte del vivere quotidiano, purtroppo Un saluto!

il 19/11/2019 alle 12:56

Anni fa partimmo ( famiglia al completo per Santo domingo ) Repubblica Dominicana....qui c'era tutto quello che tu ne tuo testo cerchi ma, la troppa povertà e quel clima che non conosceva nessuna stagione....caldo, sempre caldo , tutti i giorni caldo, con temperature che rasentavano oltre i 40 gradi, ci hanno messo in condizioni di risognare la nostra ITALIA ... siamo così tornati a casa. La nostra patria ,la nostra amata ITALIA, potrebbe essere un vero paradiso se coloro che governano questo paese pensassero meno alle loro esibizione portando avanti una politica sporca..... s'interessassero realmente ai nostri problemi che ci fanno vivere molto male...

il 19/11/2019 alle 19:05

... purtroppo Gabriela, siamo governati da famelici sciacalli! Un abbraccio, ciao!

il 20/11/2019 alle 14:21

Il tuo desiderio è anche il mio...il tuo tormento è anche il mio! questa mattina una proposta di mia moglie? andiamo via da questa Italia governata tanto male! A Vittorio fossimo uccelli ci incontreremmo facilmente...ti lascio un abbraccio Aldo

il 20/11/2019 alle 16:01

Caro Aldo, capisco e condivido la proposta saggia di tua moglie, ma dove andare? Leggi "ANNATA E RITORNO" da me pubblicata il 30.10.2019 e capirai che è difficile trovare una località dove vivere sereni! Con affetto, ciao!

il 21/11/2019 alle 07:29

Ottimo pensiero!

il 02/12/2019 alle 12:58

Grazie Francesco, ciao

il 05/12/2019 alle 09:23

Le Poesie Meno Recenti

una notte
Pubblicata il 19/08/2003
Il vento soffiava leggero
sfiorava lentamente la mia pelle
i miei capelli ondeggiavano suadenti
e i miei occhi si chiudevano dal silenzio
le onde si increspavano sembrando riccioli d’argento
respiravo assaporando l’ebbrezza marina
il luccichio del riflesso delle stelle,
su l’acqua mia compagna di solitudine,
illuminava il buio tutt’intorno…
sentivo solo il mio dolore.

La luna dall’alto
ascoltava il mio lacerante canto
io non avevo mai fatto tanto…
sul dirupo della follia barcollavo
ero vicina,vicina dal cadere nell’oblio
imploravo la vista della mia strada
gli spiriti hanno accolto la mia preghiera
e il vento mi ha spinto vicino al baratro
e tra le braccia di un demone tormentato
ho volato,viaggiato e sono ritornata…
sul dirupo della pazzia…
ho spalancato gli occhi e gli spettri del mio passato
erano lì
gli stessi mai cambiati
solo allontanati
da ciò che ho creato.
  • Attualmente 0/5 meriti.
0,0/5 meriti (0 voti)

sono felice tiadal che ti abbia toccato...
sai purptroppo nn sogno più!...e non mi lascio andare solo xkè la mia parte razionale è molto forte e viaggio nella follia e nel dolore solo attraverso le mie poesie...ekko xkè scrivo! baci tiadal

il 20/08/2003 alle 13:07

certo che resto con voi...le mie parole nn hanno posto migliore e + sicuro di questo...
cmq si sono poliedrica una volta mi è stato detto che sono una piramide di luce così solida ma in grado si depistare kiunque con la luce di diverso colore! sarà...
e cmq nn mi piace essere solo in un modo! kiss

il 21/08/2003 alle 13:38