Poesie presenti nella categoria: La casa della poesia

Le Poesie Pubblicate Oggi

illusioni
Pubblicata il 20/05/2018
sarò albero,
roccia e gabbiano,
per darti illusioni d 'amore
in terra ed il cielo, oltre al mare -
ma il tuo cuore spezzato
non mi accetterà più,
dovrò lottare con una scorza
indurita dalla vita,
ma l'amore può tutto,
vedrai che ci riuscirò-
  • Attualmente 0/5 meriti.
0,0/5 meriti (0 voti)

Le Poesie Pubblicate ieri

Primavera immortale
Pubblicata il 18/05/2018
Fiori rossi, mani stanche. Pesanti passi, i ricordi accartocciati nel giornale. Posso vedere ancora i petali tra i tuoi capelli. Sole illusorio e percepisco il calore del tuo sorriso. Io disseto il ricordo ma il tuo sguardo dentro di me si secca come questa pianta. Mi perdo nell'incognita della tua figura. Ma ad un tratto soprassalgo, scoppio di luce. Tu sei ancora qui con me, a illuminare questa vecchia lanterna.
  • Attualmente 4/5 meriti.
4,0/5 meriti (2 voti)

Le Poesie Pubblicate Nell'Ultima Settimana

Perplessità
Pubblicata il 17/05/2018
Anche per scrivere
al Papa:
ci vuole fortuna e sorte!
un santo:
che ti apre le porte!

gli inviai
nel maggio 2016!
una poesia!
pergamenata ed incorniciata!

una lode alla sua purezza!
un santo di pia bontà!
raccolgo l'ennesima incertezza!
nel mio cammino d'amarezza!
  • Attualmente 5/5 meriti.
5,0/5 meriti (1 voti)

Le Poesie Pubblicate Nell'Ultimo Mese

averci senza fine
Pubblicata il 12/05/2018
Ancora mi vedo a guardarti ridere,
quel giallo di cui ho già scritto prima,
quel suono che è la tua voce
e la tua pelle, morbida di brace,
ancora tace e non risponde.
d’altronde l’hai detto tu stessa,
confessa, siamo tutti sperduti e insicuri
ma tu sei la prima, nei miei pensieri
sia oggi che ieri ed affondo,
nel mondo mi perdo a cercarti
sapendo di poterti trovare
eppure è difficile, pare
vorrei farlo senza tante parole,
un’occhiata da cui tu non fuggi
toccarci senza tremare,
averci senza fine.
  • Attualmente 3.66667/5 meriti.
3,7/5 meriti (3 voti)

piaciuta :-)

il 14/05/2018 alle 10:59

Le Poesie Meno Recenti

A che serve Venezia?
Pubblicata il 20/04/2017
Strano amore il nostro:
si nutre col silenzio,
da esso s'alimenta
e cresce.
se non ti sento, temo
e ancor di più ti amo.

forse che la prova è superata e non ci siamo accorti?
coriandoli, sorrisi e volti smascherati, nel nostro Carnevale.
i giorni grassi mai si videro.
un Sabato di Settembre e la Domenica l'addio!

venezia sconosciuta
mai saprai del tumulto nel mio cuore.
mi vendesti un fondo di bottiglia
di te più non mi fido.

ora, città curiosa,
nulla ti dirò di lei!
domani forse verremo,
le mani tra le mani,
ai tuoi sospiri indifferenti
e le gondole tirate a secco.
  • Attualmente 4/5 meriti.
4,0/5 meriti (3 voti)

chi l'ha messa a due passi da casa mia ... un angelo, un diavolo ? l'Amore supera tutto e Venezia lo è ... per Fabio sicuramente.

il 20/04/2017 alle 17:55