Poesie presenti nella categoria: Poesia dialettale

Le Poesie Pubblicate ieri

‘Na vucelluzze èsse vularrìje/Vorrei essere un
Pubblicata il 18/03/2019


‘Na vucelluzze èsse vularrìje
pe scelljà ‘n’avete, sèmbe chjù ‘n’avete,
è arrevà fin’ò’ Règne d’i Cile
p’addengrazjà u papà mìje pe m’avè
nzengate a krèsce, a rire, a ausà
i manuzzèlle, a m’avè pegghjate
mbrazze, a me luà ògnè pavure,
a ghèsse lustrèzze k’u ammòre suje
è ka m’have nzengate ‘a strate
da fà. Appure mò, chjù ka uttandènne,
kuanne l’ucchje nghjude sènde a mana
suje appujarze ngulle a mè kume
pe me dà prutezjune, a me fà
sènde krjaturille è arrumanè
‘n’attése de sènde i passe suje
è u vedè trasì dinda kase
p’u zumbà ngulle è i fà sènde
akkume vatte fòrte d’ammòre
pe ghisse u kòre vècchje mìje!

vorrei essere un uccellino
per volare in alto, sempre più in alto,
per raggiungere il Regno dei Cieli
per ringraziare il mio papà per avermi
insegnato a crescere, a ridere, ad usare
le manine, ad avermi preso
in braccio, a togliermi ogni paura,
ad essere luce con il suo amore
e che mi ha indicato la via
da percorrere. Anche adesso, oltre gli ottanta,
quando chiudo gli occhi sento la mano
sua posarsi sulla mia spalla come
per darmi protezione, a farmi
sentire bambino e restare
in attesa di sentire i suoi passi
e vederlo entrare in casa
per saltargli al collo e fargli sentire
come batte forte d’amore
per lui il mio vecchio cuore!

  • Attualmente 0/5 meriti.
0,0/5 meriti (0 voti)

Le Poesie Pubblicate Nell'Ultima Settimana

I sunne u kambà megghjurèjene/I sogni migliorano
Pubblicata il 16/03/2019
Ògnèssére a l’atu munne se và
è ògnè matine se arrenasce.
È nd’i dóje kòse u munne stà
d’i sunne k’a mbenite muréje éje
d’u Alluvére. Nu kambà sènza sunne
éje kum’a nu kurtigghje sènza fjure
è pemmè i sunne sònne ‘a rèvele
chjù mburtande de tutte u kambà mìje:
mujìne i fazze, akkume si rjale
fussene, è pemmane i tènghe tramènde
i strate strettulèlle è chjuvòse
attraverzéje. Si se sape sunnà
è è sunne ne nge se abbannune;
si ce se sape penzà è ne nge se pèrde
dinde i penzire; si se arrjèsce a ‘kkupà
u menute ‘nnesurabele danne valòre
a ògnè ateme ka se ne vace,
‘a tèrre è ttuttekuille ka nda ghèsse
stace tuttekuande nustre éje pekkè
i sunne ne nzònne sunne ma sònne
kambà. Lóre fatte sònne de tanda
fatighe. Si se cèrke de acciaffà
i skurciatòre, de viste ce se pèrde
‘a ragiòne pekkuje se have
akkumenzate a sunnà è a’ fine
se skupréje ka u sunne ne ngi’apparténe
chjù. Si se sènde ‘a sapjènze d’u kòre
u timbe mballibele ngundrà ce farrà
u ‘vvenì nustre. Tine a mènde ki sì,
u sunne tuje, kuanne p’arrenunzjà staje,
kuanne sinde ka u kambà tròppe tuste
kettè éje state. Pekkè sckitte sunnanne
è arrumanènne fedéle è sunne
tuje arrjusciarraje a èsse chjùmmègghje
è, si sarraje chjùmmègghje, appure
u munne chjùmmègghje assaje sarrà!

si muore tutte le sere
e tutte le mattine si rinasce.
e tra le due cose c’è il mondo
dei sogni che è l’infinita ombra
del Vero. Una vita senza sogni
è come un giardino senza fiori
e per me i sogni sono la regola
più importante della mia vita:
li accarezzo, come se reali
fossero, e li tengo per mano mentre
le strade strette e piovose
attraverso. Se si sa sognare
e non ci si abbandona ai sogni;
se si sa pensare e non ci si perde
nei pensieri; se si riesce ad occupare
il minuto inesorabile dando valore
ad ogni istante che passa,
la terra e tutto ciò che in essa
c’è ci appartengono perché
i sogni non sono sogni ma sono
vita. Essi sono fatti di tanta
fatica. Se si cerca di prendere
le scorciatoie, ci si perde di vista
la ragione per cui si è
cominciato a sognare e alla fine
si scopre che il sogno non ci appartiene
più. Se si ascolta la saggezza del cuore
il tempo infallibile ci farà incontrare
il nostro destino. Ricorda chi sei,
il tuo sogno, quando stai per rinunziare,
quando senti che la vita troppo dura
con te è stata. Perché solo sognando
e restando fedele ai sogni
tuoi riuscirai ad essere migliore
e, se sarai migliore, anche
il mondo migliore sarà!

  • Attualmente 1/5 meriti.
1,0/5 meriti (1 voti)

Le Poesie Pubblicate Nell'Ultimo Mese

… È pòvele arreturnarraje/… E polvere ritorn
Pubblicata il 05/03/2019
… È pòvele arreturnarraje!
arrepènze a kuilli paròle
d’u prèvete kuanne ngape me mettéve
’a cènere è acchjare, mò ka
vècchje sònghe, u sinze m’arrive
d’u kagnamminde d’u jì mìje;
‘a kunzapevulèzze me danne
k’a presunzjòne, i seduzjune,
i magaggìje sònne kum’a kacchje
d’agarde. Sckitte abbruscianne
i kòse malamènde d’u spirde mìje,
‘a dubbulèzze mìje, ‘a nulletà mìje,
u kaòsse ka s’éje ammundunate
dind’u kambà mìje, arresblennarrà
u lustrekòre d’u ghèsse mìje.
me rènne kunde ka l’ucchje mìje
ne mbònne uardà u sóle è l’abbete
mìje sònne tutte skarabbucchjate
è strazzate, pekkuje necessarje éje
k’abbrusce tutte i kacchjetille
p’arrevà ke l’alme addulurate
è kòre sengére ò’ Segnòre Gesù,
‘mminze bbellizze è bbunnà, ka me
aspètte p’arredà fòrze è ajì ò’ spirde m’ìje!

… E polvere ritornerai!
ripenso a quelle parole
del sacerdote quando m’imponeva sul capo
la cenere e chiaro, adesso che
sono vecchio, mi giunge il senso
del cambiamento di direzione;
mi danno la consapevolezza
che la vanità, le seduzioni,
gli incanti sono come scorie
da ardere. Solo bruciando
le negatività del mio spirito,
la mia debolezza, la mia nullità,
il disordine accumulati
nella mia vita, risplenderà
la luminosità del mio essere.
constato che i miei occhi
non possono guardare il sole e gli abiti
miei sono tutti macchiati
e laceri, per cui è necessario
che bruci tutte le scorie
per giungere con animo contrito
e cuore sincero al Signore Gesù,
immensa bellezza e bontà, che mi
aspetta per ridare forza e slancio al mio spirito.
  • Attualmente 4/5 meriti.
4,0/5 meriti (3 voti)

bravo!

il 08/03/2019 alle 10:01

Le Poesie Meno Recenti

Avarizia
Pubblicata il 06/02/2007
AVARIZIA


L’avarizia è un vizio che fa tanto male,
nun pe niente è un vizio detto capitale.
Conosco un tipo avaro e tanto vecchio
che fa l’elemosina solo allo specchio.

Puro a li figli sposati e bisognosi assai
de quattrini nun glie ne regala mai.
Dice sempre che er gallo va spennato
quanno è morto e bello sotterrato.

Tiene la contabbilità puro della minuzia
e pe risparmia ricorre ad ogni astuzia.
La carità pensa che sia spreco in vita
e che siano quattrini in libbera uscita.

Quanno la morte fa capolino nella su’ vita,
se accorge che la su’ bella storia è già finita.
Che ha sciupato l’esistenza tra tanti guai
e che davvero la vita nun l’ ha vissuta mai !
  • Attualmente 5/5 meriti.
5,0/5 meriti (1 voti)

Grazie.
ciao Vittorio

il 07/02/2007 alle 12:36

..L'avaro è colui che nella vita non ha dato mai!..sciupando la sua vita senza sorrisi .Dici bene Vittorio.Un caro saluto Dora

il 08/02/2007 alle 08:50

Grazie Dora.
ciao Vittorio

il 08/02/2007 alle 11:03

Pungente ed efficace satira per chi accumula beni e non spende sentimenti.
Un caro saluto, mati.

il 09/02/2007 alle 16:23

Grazie Mati
un caro saluto
Vittorio

il 09/02/2007 alle 18:29