Poesie presenti nella categoria: Poesia dialettale

Le Poesie Pubblicate Nell'Ultima Settimana

vesazze E vesazzole
Pubblicata il 17/04/2021
e arrevate lu mumente re nun sta mai cchiù presente
stu paese se ne more une a une senza rumore
quanne secca è la funtana stizza a stizza e chianu chiane.

roppe ca se so’ arrubbate l’aria pura e annummenata
mo’ ce scioppene la terra pe ce mette la munnezza
ogne tipe re schifezza ca nun puoie immaginà.

tutte nge va stuorte ma pecchè è sfurtuna nevera ca qua ngè
e chi ngiole fotte sta a penzà ma qua st’ospedale che nge fa
a sti ciente piecure camuse basta na serenga pe pertuse
e a sti quatte stuorte cumuniste scaffe surdelline ponie e piste.

e’ arrevate lu mumente re piglià na vesazzola
re ce mette na pezzegza e na scorza re furmagge
a Besazza ote re spagze e accummenza a cammenà…

ma nun gi pe Furmecuse ca la puzza già la siente
pe re pale e cu lu viente pure sotto a lu Cumente
vaie reritte sulamemte e adderete nun te utà!

tutte nge vaie stuorte e c’haia fa se n’alternativa nun nge sta
se li tuie te stanne a struppià che discorso a l’aute tu puoie fa
t’haia sta attiente a quere ca tu rice t’ haia sta citte e manche pepetà
mai dissentire e ubberisce o pe te la vita qua furnisce.

nms s.t.
  • Attualmente 3/5 meriti.
3,0/5 meriti (2 voti)

Le Poesie Pubblicate Nell'Ultimo Mese

alegria...*
Pubblicata il 31/03/2021
alegria…*
^^^^^^^^

quanno l’hai cunzzumata* guasi* tutta
la vita tua, te smicci* ne lo specchio
e a parte er fatto che ce sgami* un vecchio
capischi* ch’oramai sémo a la frutta*.

te maravijji che quer ferovecchio*
da la pellaccia sbrozzolosa* e asciutta
sei te… e no un fachiro de Carcutta*
sopr’a li chiodi e l’anima in der zzecchio*…

ciorcinato* ner còrpo e ne la mente
nun ce pòi créde* che te sei aridotto
che è mejjo che te pijji* ‘n accidente!

che campi a fa’ si è tutto ‘n cimitero
quer ch’azzecchi* ne l’occhi de la gente?
che vòi sperà?... Zero via zero è zero*.

rossopasquino 2015, Agosto

glossarietto E note:

titolo = Allegria!... Era il saluto e il congedo del grande Mike Bongiorno: nel caso in questione in senso amaramente sarcastico.
cunzzumata = Consumata, esaurita.
guasi = Quasi.
te smicci = Ti guardi.
ce sgami = Ci scopri.
capischi = Capisci.
esse A la frutta = Essere arrivati in fondo, alla fine.
te maravijji = Ti meravigli.
quer ferrovecchio = Quel vecchio arnese.
sbrozzolosa = Piena di bozzi e di macchie.
carcutta = Calcutta, la grande città indiana.
in der zzecchio = Dentro il secchio (come uno straccio).
cIORCinato = Disgraziato, misero.
nun ce poi crede = Non puoi credere.
e’ mejjo che te pijji = Sarebbe meglio ti prendesse.
quer ch’AZZECchi = Quello che indovini, quello che leggi.
zero via zero E’ zero = Locuzione di assoluto nikilismo esistenziale: non rimane più niente…
  • Attualmente 5/5 meriti.
5,0/5 meriti (1 voti)

Non sò quanti si specchiano nel tuo scritto (sono certa tanti) ma doverlo ammettere è assai deprimente... piacevole lettura...

il 31/03/2021 alle 18:04

Le Poesie Meno Recenti

Drendu lu salottu
Pubblicata il 27/03/2006
Sotto lu sole
de fine estade:
erimo in dre
co' du' cuggini mii.

Stessimu tandu bene
a gioga' drendu 'na reggia,
fatta de canne,
all'ombra de 'na figo.

Drendu stu salottu,
c'essimu lu cinema
che ammirassimo
spaparanzadi sopre lu sofà
de fieno arrunginadu.

Drendu lu scrignu
de sogni magichi,
condassimo
tutte le monede de latta
rubade a li piradi
dea fratta.

Magnassimo li fighi
alla faccia de' 'a vanidà
e de' 'a ricchezza
che non g'essimo;
e brinnassimo
co' l'acqua de lu fossu
'a 'na vida de suspiri
a più non possu.

Traduzione

Sotto il sole
di fine estate:
eravamo in tre
con due cugini miei.

Stavamo tanto bene
a giocare dentro ad una reggia,
fatta di canne,
all'ombra di un fico.

Dentro questo salotto
avevamo il cinema
che ammiravamo
spaparanzati sopra il sofà
di fieno arrotolato.

Dentro lo scrigno
di sogni magici
contavamo
tutte le monete di latta
rubate ai pirati
della fratta.

Mangiavamo i fichi
alla faccia della vanità
e della ricchezza
che non avevamo;
e brindavamo
con l'acqua del fosso
ad una vita di sospiri
a più non posso.
  • Attualmente 0/5 meriti.
0,0/5 meriti (0 voti)

non dirmi che sei delle mie parti,...? he heeee la paesanellaaaaaa.
freccia.

il 27/03/2006 alle 16:39

che dolce ritratto del pennello della memoria!.sei umbra o ciociara?..

il 27/03/2006 alle 16:52

a friga sarebbi marchigiana..
e chista poesia rupestr
è di una bellezza rara..
brava sol..
roberto

il 27/03/2006 alle 17:40

e che ne so....ahahah

il 27/03/2006 alle 18:10

Umbra....grazie

il 27/03/2006 alle 18:10

no, a potta no è marchiciana...ahahah

il 27/03/2006 alle 18:11

...e dimenticavo...grazie infinite!!

il 27/03/2006 alle 18:20

Questa è davvero magica, è dei tempi in cui si stava insieme a raccontare anche del poco, a sorridere del niente e a sognare un mondo di belle promesse, brava davvero, un abbraccio, mati

il 27/03/2006 alle 22:57

Grazie...sempre gentilissima..un bacio, sol

il 28/03/2006 alle 11:38

Bellissimo racconto,
mi fa sentire ragazzina,
ciao
dd

il 28/03/2006 alle 19:24

Lo stesso effetto che fa a me scriverli...grazie, sol

il 28/03/2006 alle 19:50