PoeticHouse - Il Portale dei Poeti e della Poesia

Poesie presenti nella categoria: Poesia dialettale

Le Poesie Pubblicate Nell'Ultima Settimana

Spoilerando un Epitaffio
Pubblicata il 21/06/2022
aho, te vedo sa che me guardi de traverso! , co l'occhio che butta sto sguardo incuriosito mentre passi e poi ripassi sur serciato de quello che pe me è stato l'urtimo viale. Sei così giovane a regazzi', eppure un po' come faceva er sottoscritto, te intriga sto fatto de sape' chi è quer morto. Da Na foto tiri fori n'epopea, da uno sfondo su quer marmo luccicante, sembra ancora che se move la corente de quer mare scintillante. Mo scusate se faccio un poco l'ignorante, ma perché ogni foto che mettete è da dentro un ristorante? È na scelta ripetente, senza dubbio stravagante, nun ve smove la costante de quer tocco un po' perdente de nun sceglie seriamente uno "scatto" più decente.
e i sorisi?! Sembra quasi che ce lo sa er futuro moribondo, che la foto de quer giorno nun permette più un ritorno. Er labbruccio un po piegato, sembra quasi disgustato, quella fronte un po' aggrottata, la spalluccia ben centrata , la cravatta o la collana, perché come i faraoni con li scettri e tutti l'ori, è l'immagine che conta, la piramide più arta, la collana un po' più erta, er gessato che te sfina, er colore dei capelli, belli rossi e scintillanti, o canuti e un po' cangianti... Tutti uguali, pure al marmo, e che tragico disarmo!! Una scelta più oculata, una cosa più sensata, se potrebbe pure fa. Se potrebbe - senti bene - o carissimo passante fa le file de sto posto co na piccola variante... Fila 1 tutti ar mare!! e in mutande a cazzeggiare!! . Fila 2 inforchettamo!! Come il grande Aldo Fabrizi, n'abbottata de spaghetti, un quartino de quer vino co vicino du cantucci; magna bene li mortacci!! Nella vita de noantri, nun tiramo più li stracci. Fila 3 fate l'amore!!! E gemete de piacere, bocche storte ma felici, busti sciatti e un po' sudati ma de certo ripagati da quer dono der signore che inventò il fare all' amore.
fila 4, fila 5, fila 6 e così via... Inventate il vostro sogno, e nun dateve contegno dentro quer letto de legno. Siate liberi e leggeri, siate pazzi e spensierati... Si ve fanno quella foto, proprio dentro ar ristorante, mozzicateve le labbra, scaccolateve de brutto, o girateve de scatto, nasconneteve co un piatto. Fate sceje a chi ha vissuto er soriso più goduto, quer momento senza pose, de quer giorno tra le rose, o de mani indaffarate che impastavano la vita. Fate sceje a chi ha vissuto de nun esse sconosciuto. È na foto solamente ma se proprio devi falla, scegli bene amico mio!! Perché quello che vedranno dovrò esse proprio io!
  • Attualmente 5/5 meriti.
5,0/5 meriti (1 voti)

Il vecchio professore di fotografia diceva(le foto vanno rubate).Un Saluto e ben trovato

il 21/06/2022 alle 18:28

Un saluto a te... È grazie come sempre per il tuo commento.

il 22/06/2022 alle 17:26

Le Poesie Pubblicate Nell'Ultimo Mese

Pubblicata il 10/06/2022
Mani infuocate di passione,
dolore vibrante sulla pelle del corpo.
giace un ciglio sul petto orto,
e baci caldi ad ogni stazione.

occhi marroni macchiati,
profondi veritieri ed amati.
ogni singola carezza sul tuo viso
e ti penso mi nasce il sorriso.
  • Attualmente 3.4/5 meriti.
3,4/5 meriti (5 voti)

Le Poesie Meno Recenti

'A fòrze de l'ammóre/La forza dell'amore
Pubblicata il 05/11/2007

‘A fòrze de l’ammóre

I jurnate tòst’assaje pònne
kulme de sblennòr’addevendà
kuanne u mòde nustre de fà
pe nu mutive d’ammór’éje.
Kuanda saggreficeje agghje
fatte nd’a vita mìje pe ddà
a mugghjèreme è ffigghjeme
tanda prjèzze è sserenetà.
D’alme pèrze n’ me sònghe maje
pure kuann’i jurne tust’assaje
i fòrze da ngulle me luàvene.
Mò, sóp’a pòrte d’a vecchjaje,
cchjù ka cèrte sònghe kè kuanne
u kurje mìje nd’u kanale
ndèrre chjìne de sènza karne,
d’ussere sikk’è dde pòvele
fernarrà, u sciussce passarrà
d’u Spirde Sande è ‘a vite
a vvatte me arreturnarrà
tra nu stredòr’è nu frèmmete
d’ussere k’arrefjurarranne
de karne. È ‘a mòrte sarrà
nda vite skaggnate. Da ndèrre
‘a lustr’i muréj’anghjanarranne
pekkè ki nd’a pòveke stéve
s’asscetarrà è prjèzze farrà.
Kuèst’éje ‘a fòrze de l’ammóre
k’aunissce l’ummene tra lóre
è nd’i mane de Ddìje sarrà
sblennòr’è llustre p’a ‘ternetà.



La forza dell’amore

Le giornate usuranti possono
diventare splendide
quando il nostro agire
è sopportato dall’amore.
Quanti sacrifici ho
fatto nella mia vita per dare
a mia moglie e ai miei figli
gioia e serenità.
Di animo non mi sono mai perso
anche quando i giorni usuranti
mi toglievano ogni forza fisica.
Ora, sulla soglia della vecchiaia,
sono più che certo che quando
il mio corpo nella valle
lastricata di scheletri,
di ossa secche e di polvere
finirà, il soffio passerà
dello Spirito Santo e la vita
di nuovo mi tornerà a pulsare
tra uno stridio e un fremito
d’ossa che rifioriranno
di carne. E la morte sarà
in vita trasformata. Dalla terra
alla luce le ombre saliranno
perché chi stava nella polvere
si sveglierà ed esulterà.
Questa è la forza dell’amore
che unisce gli uomini tra loro
e nelle mani di Dio sarà
splendore e luce per l’eternità.


  • Attualmente 5/5 meriti.
5,0/5 meriti (1 voti)

perdonami eduardo, ma ho duvuto leggere la traduzione, per entrare nella tua splendida poesia.
si capisce di quanto amore 6 capace di dare.
sono felice per te.un forte abbraccio .annarella.

il 06/11/2007 alle 21:00

La vita è fatta di piccole cose e ognuno dovrebbe saper assaporare quanto il buon Dio ci passa. Purtroppo queste cose si apprrezzano quando gli anni cominciano a pesare, perché da giovani a tutto si pensa fuorché all'attimo fugace. Grazie per i complimenti. A proposito, mi chiamo Pasquale. Salutissimi

il 07/11/2007 alle 17:32