Poesie presenti nella categoria: Poesia dialettale

Le Poesie Pubblicate Nell'Ultima Settimana

U sblennòre d’a ‘mmecizzje/Lo splendore dell
Pubblicata il 28/09/2020
‘A ‘mmecizzje vune d’i sendemind’éje
cchjù bbèlle da kambà pekkè ghéje
nu bbesuggne kurrespuste. U kamb’éje
ka se semmenéje k’ammòr’è sse méte
rennènne grazzje. ‘A tavele nòstr’éje
è u vrascire nustre; pekkè a ghèsse
s’arrive chjìne de lòpe è ngèrke
de kujéte. ‘A ‘mmecizzje ghéje
sckitte ‘n’alme k’agabbetéje dinde
a duje kurje, nu kòre ka vatte
dind’a dòje alme: arradduppjéje
i prjèzze è a ‘mmetà i ngussce fà.
kuanne nu kumbaggne dice kuille ka
pènze, nenn’abbesuggna pavur’avè
de dì u nò ò u sì, ka sònne nd’a nuje.
È kkuanne stace citte citte, u kòre
nze frèmme a sènde u kòre suje;
ggiakkè dind’a ‘mmecizzje, sènza parlà,
tuttekuand’i penzire è vvulìje
è aspettative nasscen’è vvènene
kunnevise ke prjèzze maje kandate.
dind’a ‘mmecizzje atu fine nen ve
sìje, si nònne u prufunneminde
d’u spirde è ffacite ka ve sìjene
rerute è ggudeminde kunnevise
pekkè éje dind’a l’akkuarèlle
d’i kòse peccenènne ka u kòre
tròv’u matine suj’è sse resturéje.
‘A ‘mmecizzje éje nu pòke kume
‘a salute: se ne apprezzéje
‘a mburtanze sckitte kuann’a se pèrde.

l’amicizia è uno dei sentimenti
più belli da vivere perché è
un bisogno corrisposto. È il campo
che si semina con amore e si miete
rendendo grazie. È la nostra mensa
e il nostro focolare; perché a lei
si giunge affamati e in cerca
di pace. L’amicizia è
una sola anima che abita in
due corpi, un cuore che batte
in due anime: raddoppia
la gioia e divide le angosce a metà.
quando un amico dice quello che
pensa, non bisogna avere timore
di dire il no o il si, che sono in noi.
e quando è silenzioso, il cuore
non cessi di ascoltare il suo cuore;
giacché nell’amicizia, senza parlare,
tutti i pensieri e desideri
e aspettative nascono e vengono
condivisi con gioia non acclamata.
nell’amicizia altro fine non vi
sia, se non l’approfondimento
dello spirito e fate che vi siano
risate e piaceri condivisi
perché è nella rugiada
delle piccole cose che il cuore
trova il suo mattino e si ristora.
l’amicizia è un poco come
la salute: se ne apprezza
il valore solo quando la si perde.
  • Attualmente 4.33333/5 meriti.
4,3/5 meriti (3 voti)

L'amicizia più di ogni altro sentimento arricchisce ogni rapporto ,vero è il proverbio .... Chi trova un amico trova un tesoro... Hai scritto un piacevolissimo testo che ho letto con vero piacere...

il 30/09/2020 alle 20:44

Le Poesie Pubblicate Nell'Ultimo Mese

du plugit ferment
Pubblicata il 12/09/2020
du vu vu
anna?
terciglion
ghe mes...
ansiparot
per le mes,
de blusit
sparassicum,
tex ter...
de blusit
de mercem,
fiorit
du blu messet...
asplusit
ferment...
du jacusil...
la pax...in ter
du plugit
de ferten...
  • Attualmente 3/5 meriti.
3,0/5 meriti (1 voti)

Credo che la traduzione sia utile.Ciao.

il 12/09/2020 alle 10:16

e' un mistero anche per me... mi vengono istintive.. ma non sono traducibili... non sono parole magiche o che si voglia andare a pensare qualcosa di peggio... son parole che mi suonano bene nella mente che mi fanno avvicinare forse a una lingua forse di guerrieri vichinghi... nella mia psiche forse vive un buio del passato che deve venir fuori... un rievocare dalla nebbia del passato suoni di linguaggi che vengono da molto lontano.. oppure solo una mia fantasia d'inventarmi il passato..io ci sento i vichinghi..questa e' la mia sensazione... grazie per il tuo interessamento..anzi mi hai aiutato a togliere un po' di nebbia...grazie

il 12/09/2020 alle 11:53

Una sorta di psicolalìa… o cos'altro? La tua spiegazione è ancora più misteriosa del testo! Però… è interessante! ;-)

il 13/09/2020 alle 00:39

vi ringrazio... ma non vorrei che se continuo cosi'... anziché farmi i commenti.. mi fate venire un'ambulanza a prendermi... voi seguitemi se poi esagero per salvarmi... chiamate il 118.. grazie...

il 13/09/2020 alle 02:15

Le Poesie Meno Recenti

Er. Telefonino
Pubblicata il 11/07/2017
E mo che in mano chai er telefonino
non vedi manco più chi tè vicino,
e parli e ridi li fatti tui li sanno tutti quanti,
me guardi ma l'occhi tui so assenti puro alle mani non li controlli più li movimenti!
co tutto quer gesticolare me parono tutti da ricoverare.
dov'è la penna la bella grafia quanno scrivevi a me anima mia e mo quanno me voi lassa '
te basta solo un dito per poté digita '.
me dichino è la tecnologia ma sta mania è diventata ormai nepidemia.
se l'omo saccorgesse cher progresso a vorte l'ariporta ner regresso!
  • Attualmente 5/5 meriti.
5,0/5 meriti (1 voti)

Vera... che fa riflettere!

il 12/07/2017 alle 16:46