Poesie presenti nella categoria: Poesia dialettale

Le Poesie Pubblicate Nell'Ultima Settimana

Grazjòne p’a Dumèneke d’i Palme/Preghiera pe
Pubblicata il 04/04/2020


gesù, tu ka u ciucce sceghjute haje
kume simmele de bunarjetà
pe ce dì akkume hanna èsse
affrundate i kòse è ka ce ame
akkussì tande, ajutece a èsse
bune de kòre è jeneruse vèrze
i nustre simele de kuarzìjeze
razze è kelure èsse sìjene: dind’u
jurne grurjuse d’a Dumèneke
d’i Palmenuje t’arrekunuscime
rè, ò Segnòre: èsse a tè vecine
vulime è arréte jìrte fin’a Kròce.
arrjalece u kuragge de destemunjà
sèmbe u Vangéle tuje. Nuje t’adurame
è te venerame patènne ke tè u gire
d’a tuje aùnìje. Grazjune te facime
k’u chjù dinde d’u kòre, ka v’addegnate
de luà da mizze è strude tuttekuande
i passjune è i kattive ‘betutene peghjate,
kagnannece u kòre, ‘a mènde è u vulére,
ka sìjene sèmbe arrevòrte a te amà,
a te sèrve è te grurefekà nda st kambà,
pe pòje ne udè dind’a avete pe sèmbe.

gesù, tu che hai scelto l’asinello
a simbolo di umiltà
per dirci come debbono essere
affrontate le cose e che ciami
così tanto, aiutaci ad essere
umili e generosi verso
i nostri simili di qualsiasi
razza e colore essi siano. Nel
giorno glorioso della Domenica
delle Palme noi ti riconosciamo
re, o Signore: esserti vicino
vogliamo e seguirti fino alla Croce.
donaci il coraggio di testimoniare
sempre il tuo Vangelo. Noi ti adoriamo
e ti veneriamo soffrendo con te il ciclo
della tua agonia. Ti preghiamo
col più intimo del cuore, che vi degnate
di annientare e distruggere tutte
le passioni e le mali abitudini contratte,
mutandoci il cuore, la mente e la volontà,
che siano sempre rivolte ad amarti,
servirti e glorificarti in questa vita,
per poi goderne nell’altra eternamente.
  • Attualmente 4.66667/5 meriti.
4,7/5 meriti (3 voti)

Le Poesie Pubblicate Nell'Ultimo Mese

Pubblicata il 29/03/2020
333
(Passa un giorno, passa l'altro,
mai non torna il prode Anselmo
perché egli molto scaltro,
andò in guerra e mise l'elmo:
mise l'elmo sulla testa
per non farsi troppo mal
e partì, la lancia in resta,
a cavallo d'un caval...
(Giovanni Visconti Venosta)
^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^
passa, 'n auto, passa 'n antro
ma nun torna er Zzor Anzzèrmo,
tutti aspétteno che ariva
però, invece, lui sta fermo
inchiodato a la fermata
der "333":
tutto lassa, tutto passa
ma quell'autobus nun viè!
dice: "Cazzo!... So' quattr'ora
che nun passa..." e poi smadonna:*
"Si me l'ero fatta a piedi
stavo già a Piazza Colonna!..."
guarda in fonno pe' la strada,
strizza l'occhi, fa cecè,*
ma purtroppo nun c'è traccia
der "333"
quanno ariva, finarmente,
attaccate su le porte
cià quaranta o più perzzone
che se rìschieno la morte:
lui fa er zzegno dell'ombrello*
e jje strilla forte: "Tiè!..."
poi aspetta che aripassi
er "333"...
rossopasquino 2014
^^^^^^^^^^^^^^^^^
(*) glossarietto E note
smadonna = Impreca.
fa cece' = Sbircia con un solo occhio; guarda di sottecchi.
er zzegno dell'ombrello = Battere energicamente il palmo della mano sinistra sul gomito del braccio destro piegato ad angolo retto (come per dire: "Col cavolo che ci casco!...")
  • Attualmente 4/5 meriti.
4,0/5 meriti (3 voti)

Che c’entra Arnaldo Vassallo? Scusa la mia ignoranza, “La partenza del crociato” non è di Giovanni Visconti Venosta?

il 29/03/2020 alle 12:49

Hai ragione!... Sai cosa?: proprio non so come sia avvenuta questa appropriazione indebita del Prof. Vassallo nei confronto dell'opera del Conte Venosta! Volevo farvi sorridere, sono riuscito a farvi sghignazzare! Ti ringrazio per la segnalazione e chiederò alla Redazione di modificare il qui pro quo. ;-) Ciao

il 29/03/2020 alle 13:14

Comunque sempre spassose le tue composizioni! Un saluto

il 30/03/2020 alle 10:07

Le Poesie Meno Recenti

Er Dente
Pubblicata il 03/09/2007
***

A Nando, je se dovette spezzà un dente
pe fasse 'na gran risata proprio de core.
Se ne stava lì fisso, tranquillamente
quanno a' 'n tratto je sartò de fore.

Er fatto avvenne pe via de 'a gran foca
con cui sgagnava l'osso 'n quer momento.
C'aveva 'a bocca piena manco fosse 'n'oca
tanto che je s'enceppò financo er movimento.

Forzò 'a presa più peggio d'un majale
scordannose d'avecce 'a protesi dentale.
Fu così che poi, guardannose 'nde 'o specchio
ride penzanno: quant'era bbono però, l'abbacchio!

*

Zio Gianni
  • Attualmente 5/5 meriti.
5,0/5 meriti (1 voti)

Caro zio Gianni,
talvolta mi fai sorridere,ma spesso anche pensare.
Un abbraccio
gigliola

il 03/09/2007 alle 06:36

Ciao Gigliola.
E sì, i drammi vanno esternati ma però
bisogna anche saper essere spiritosi e
divertenti.
E' già tanto triste ciò che in quest'epoca
si sta vivendo.....

Un caro saluto, Zio Gianni

il 03/09/2007 alle 18:12

Ciao Anto!
Ne so qualcosa dei dentisti e questa poesia
è nata proprio da quanto è successo a me.
Solo che la causa è stata una bruschetta
col pane di Altamura che mangiai con
una certa avidità.
Un caro saluto...Zio Gianni
P.S. "Sombrero" è anche una
bella canzone di Rino Gaetano.
*

il 03/09/2007 alle 18:15