Poesie presenti nella categoria: Poesia dialettale

Le Poesie Pubblicate Nell'Ultima Settimana

Ludate sìje ki nenn’éje nesciune/Lodato sia ch
Pubblicata il 18/05/2019
u sestéme d’u Putére ghéje
‘na gròssa mèrde a ndò tuttekuande
nzakkate ce sime pekkè nesciune
ne ndènne renungià ò’ pròbbete
kunglamate “ìje sònghe!” Tangènde,
u ngrasse de ngranagge, bbustarèlle
sònne a’ bbase d’a vite de l’ummene
ka, da scigne akkume sònne, sònne
nemale suciale è kunzederèjene
‘a kljendéle, u neputiseme,
i ndrallazze è u pettegulèzze
mudèlle de murale kumburtaminde.
se dice k’a ‘kkasjòne l’òme face
marjule! I se póde mbedi d’arrubbà,
ma nò d’èsse marjule pekkè u fà
sckitte a’ kkasjòne. È rikke assaje,
guvernande, faccennire ka parene
sènza manghe ‘na macchje è sènza pekkate
a’ kkasjòne da lóre medèsme krjate
ngundrene ’a ‘ddóre ka dappettutte stà
de ‘na mane lave a n’avete. Éje
preferibbele ngunzederazzjòne avè
kuille ka sunne face è prugettéje
a’ muréje de stu munne kurrutte,
‘mméce de vedè i puletekande
d’è lèkkakule ludate ka nfanne
ka dì è fà sèmbe i medèsme kòse
ke svugghjatèzze è ke ndefferènze.
ludate sìje ki nenn’éje nesciune
pekkè u nessciune chjù de tutte avvale!

il sistema Potere è
una grande merda di cui tutti
facciamo parte perché nessuno
intende rinunciare al proprio
conclamato egoismo. Tangenti,
unzione di ingranaggi, bustarelle
sono la base della vita degli uomini
che, da scimmia quali sono, sono
animali sociali e considerano
il clientelismo, il nepotismo,
gli intrallazzi e il pettegolezzo
modelli di comportamento etico.
si dice che l’occasione fa l’uomo
ladro! Gli si può impedire di rubare,
ma non di essere ladro perché lo fa
solo all’occasione. E magnati,
governanti, uomini d’affari che sembrano
incorruttibili e senza peccato
all’occasione creata da loro stessi
incontrano l’olezzo penetrante
della corruttela. È
preferibile stimare
colui che sogna e progetta
all’ombra di questo mondo corrotto,
invece di vedere politici
da ruffiani lodati che non fanno
che dire e fare sempre le stesse cose
con menefreghismo e indifferenza.
lodato sia chi non è nessuno
perché il nessuno più di tutti conta!
  • Attualmente 4.5/5 meriti.
4,5/5 meriti (2 voti)

Bel testo, in tutte le sue parti.

il 19/05/2019 alle 08:58

Le Poesie Pubblicate Nell'Ultimo Mese

U kambà ‘na speranze d’ammóre éje/La vita
Pubblicata il 04/05/2019
‘A sére già ‘a tèrre nazzekave
è sópe è kòppe ’a nòtte già s’appujave;
vestute de nègghje ’a cèrkule se ne stéve
nd’u kurtigghje, tramènde da nu frakke
de nuvele Markòfje da fóre ascéve
tra i negghjarèlle. Tra i kacchjetille
d’a cèrkule u favugne muschjave
kume a sirpe nd’i fratte, jeneranne
dind’a mè megghjare de mustrecille.
u kóre, kume a fuke ardènde de vrasce,
fòrte fòrte me vattéve. U sendéve
tikkèttakke fà kume a ‘na bbòmme
k’u ‘llòrge dinde a nu sgabbuzzine
‘mmakande. Éve kume si kakkune
m’avarrìje purtate vìje i vedèlle
è sckitte isse ò’ sòlete luke stéve,
a se lagnà ‘mmakande. Sckitte ìje stéve!
Ìje ke mè medèsme! ‘A rumetèzze,
kume a tembèste sulenzjòse ka trite
i kacchje murte nustre, me vuttave
a uardà chjù affunne nd’u kóre
ngèrke de kuilli sunne de juvendù
k’èvene state u sanghe d’u kambà mìje,
pure si m’èvene kustate lunghe
vjagge è tanda mazzate. M’arretuffe
dind’u lavaròne d’u kóre mìje
p’arresènde u munutune suje
murmurìje, ka da sèmbe m’akkumbagne,
ngèrke de kuill’ammóre ka arrape
a’ speranze, pekkè u kambà avete
nenn’éje ka ‘na speranze d’ammóre.

la sera già cullava la terra
e sui monti la notte già si posava;
vestita di nebbia la quercia se ne stava
nel cortile, mentre da un cumulo
di nuvole la luna sbucava
tra la nebbiolina. Tra i rametti
della quercia sibilava il favonio
come serpi tra i cespugli, generando
in me migliaia di mostriciattoli.
il cuore, come fuoco ardente di brace,
fortemente mi batteva. Lo sentivo
ticchettare come una bomba
ad orologeria in uno sgabuzzino
vuoto. Era come se qualcuno
mi avesse portato via le budella
e solo lui si trovava al solito posto,
a gemere a vuoto. Ero solo!
solo con me stesso! La solitudine,
come tempesta silenziosa che spezzetta
i nostri rami morti, mi spingeva
a guardare più a fondo nel cuore
alla ricerca di quei sogni di gioventù
che erano stati il sangue della mia vita,
anche se mi erano costati lunghi
viaggi e tante bastonate. Mi rituffo
nel lago del mio cuore
per riascoltare il suo monotono
mormorio, che mi accompagna da sempre,
alla ricerca di quell’amore che apre
alla speranza, perché la vita altro
non è che una speranza d’amore.
  • Attualmente 3.8/5 meriti.
3,8/5 meriti (5 voti)

molto bella complimenti

il 07/05/2019 alle 17:57

Le Poesie Meno Recenti

ti mollo ci mollo
Pubblicata il 22/02/2013
ti mollo ci mollo
mi molli ci molli
non son lacrime
ne son rime.....

son due vite sconosciute
non si son mai conosciute,
tanto meno si sono amate
si son prese a sassate.....

sono tante parole al vento
quanto è vero che non mento,
oggi mi è venuto alla mente
e lo voglio far presente....

nove mesi tre stagioni
non ne faccio più ragioni,
del tuo amico non parlavi
ma era me che cospiravi

di far fuori , poco meno
è rimasto il tuo veleno,
e nell'ultima stagione
a me torna la ragione!!!!!

c.barux
  • Attualmente 5/5 meriti.
5,0/5 meriti (1 voti)

Si arriva a capire tutto con il tempo, anche le cose che al momento ci appaiono inspiegabili... Per tutto ciò che accade c'è sempre una risposta.ALEX.

il 22/02/2013 alle 22:42

io la risposta ancora non ce l ho.....grazie

il 23/02/2013 alle 01:36