Poesie presenti nella categoria: Poesia dialettale

Le Poesie Pubblicate Oggi

Segnóre: ngi’a fazze pròbete chjù/ Signore: n
Pubblicata il 22/02/2020
Ògnèvvóte ka pe talavesjòne
i prutaguniste d’a puliteke
sénde, mbartekulare ki stace
ò’ guèrne, nda nu mude sgarbate
parlà, arrepéte frase fatte sènza
sinze è sustanze, u kundrarje dì
u jurne dòppe kuille k’hanne ditte
u jurne prime, u vótastòmmeke
me véne. Sacce k’a puliteke éje
l’arte d’u pussibele, k’a buscìje
parte face d’u bagaghje vakande
da kuanne munne éje, ma mò se stà
sageranne nda nu mude mujenuse,
vergugnuse, sènz’ata vìje putè peghjà.
‘A puliteke addevendate éje:
parulacce, nu dì sènza mesure,
vjulènde, chjéne de tanda referemènne
k’a pèlle fanne akkapunì. Éje
kuiste ka l’Italje è i Taljane
se mèretene? Segnóre: ngi’a fazze
pròbete chjù! Faje ka arméne i
kulurature da matte ka ndèrre
kadè fanne u dì d’i krestjane
‘mmòkke arrumanèjene a kuille
kè assettate mbarlamènde stanne!

ogni volta che per tv
i protagonisti della politica
ascolto, in particolare chi sta
al governo, in un modo sgarbato
parlare, ripetere tiritere senza
senso e consistenza, smentire
il giorno dopo ciò che hanno dichiarato
il giorno prima, il voltastomaco
mi viene. So che la politica è
l’arte del possibile, che la menzogna
fa parte del bagaglio retorico
da quando è mondo, ma oggi si sta
esagerando in un modo clamoroso,
vergognoso, senza alcun rimedio.
la politica è diventata:
insulti, frasi smodate,
violente, piene di riferimenti
che fanno accapponare la pelle. È
questo che l’Italia e gli Italiani
si meritano? Signore: non ce la faccio
proprio più! Fate che almeno le
coloriture demenziali che
degradano il linguaggio pubblico
restino in bocca a coloro
che sono seduti in parlamento!
  • Attualmente 0/5 meriti.
0,0/5 meriti (0 voti)

Le Poesie Pubblicate Nell'Ultima Settimana

Lakreme de krukkrudille/Lacrime di coccodrillo
Pubblicata il 18/02/2020
nda ògnè luke d’Italje ‘a kuase
tutaletà d’a klasse deregènde
puliteke kalametate véne,
kum’è mòske, d’ò méle è d’a spurcizje.
pekkè ‘a puliteke dà a larghe
mane sti prudutte. Luàme u méle,
luàme ‘a spurcizje è leberate
ce sarramme de tanda fastedjuse
nzètte. Leberammece d’i tanda
penucchje ka ngannene ’a feduce
de Mastre Geppètte pe dòppe chjagne
lakreme facele, nzengére, nu faveze
pendeminde. «Ò Dìje mìje: nenn’u fazze
chjù!» È pròbete kuanne u dicene
ci’arrekadene ‘n’ata vóte, dakape
arrekumenzene. Nen nge stace
remurze p’u male fatte, pure pekkè
se sape ka u remurze nu sebbuleke éje
sóp’a ndò lakreme de krukkrudille
se chjagnene. I puletekande, i kalciature
ka i partite se vènnene, i menistre
ka lavurature è penzjunate tartasséjene,
è p’i prevelègge è i vetalize lòre prutègge
nd’i chjazze i krestiane ‘mmitene a manefestà
p’ luà, chjù de nu sèmblece sèmbje sònne
de nu vane chjande sóp’ò latte verzate.

in ogni luogo d’Italia la quasi
totalità della classe dirigente
politica è attratta,
come le mosche, dal miele e dalla sporcizia.
perché la politica porge a larghe
mani questi prodotti. Togliamo il miele,
togliamo la sporcizia e liberati
ci saremo di tanti fastidiosi
insetti. Liberiamoci dei tanti
pinocchi che tradiscono la fiducia
di Mastro Geppetto per poi piangere
facili lacrime, non sincere, un falso
pentimento. «O mio Dio: non lo faccio
più!» E proprio mentre lo dicono
ci ricadono di nuovo, da capo
ricominciano. Non esiste
rimorso per il male fatto, anche perché
si sa che il rimorso è una tomba
su cui lacrime di coccodrillo
si piangono. I politicanti, i calciatori
che si vendono le partite, i ministri
che lavoratori e pensionati tartassano,
e per i privilegi e i vitalizi loro proteggere
nelle piazze la gente invitano a manifestare
per toglierli, sono più di un semplice esempio
di un inutile pianto sul latte versato.
  • Attualmente 5/5 meriti.
5,0/5 meriti (2 voti)

Vorrei che il tuo testo fosse per tanti meditazione e ,preso modello per poter uscire da questo mondo dove la vera sporcizia ci sta soffocando....bravo.

il 19/02/2020 alle 19:34

Le Poesie Pubblicate Nell'Ultimo Mese

‘A vite akkum’ò Karnuàle éje/La vita è com
Pubblicata il 01/02/2020


a Karnuàle u munne éje
akkum’a nu grusse tjatre
a ndò gnune ndreppetéje
‘a parta suje k’a masckuere
sóp’ò nase, ka andike éje
kuande ‘a stèsse umanetà
è u simmele éje d’u kagnaminde
de l’òme dinda n’atu ìje.
‘Na msckuere dice de chjù
de ‘na facce pekkè ògnè òme
nasce ke ‘na faccia suje
k’arrakkundéje ki éje
è da ndò véne è u nghjòve
a’ stòrje. ‘A masckuere de Karnuàle
‘a fujute éje d’a pròbbeta stòrje,
‘a lebbertà d’a pròbbeta dindirindà
pemmizze d’u stravesteminde.
‘A vite akkum’ò Karnuàle éje:
nze pòde maje sapè ka pazzìje
faciarrà pekkè ògnè perzòne
nenn’éje ka ‘na msckuere tjatrale,
nu ndrèppete ka recetéje
nu pròbbete rule è k’assumènne
akkussì ‘a pròbbeta perzunaletà
kundrebbuéje a ‘rrekkì ‘a kòmeka
tjatraletà d’a umane stubbedetà.

a Carnevale il mondo è
come un vasto teatro
in cui ognu interpreta
la sua parte con la maschera
sul naso, che è antica
quanta la stessa umanità
ed è il simbolo della trasformazione
dell’uomo in un altro io.
una maschera dice di più
di una faccia perché ogni uomo
nasce con un suo volto
che racconta chi è
e da dove viene e lo inchioda
alla storia. La maschera di Carnevale
è la fuga dalla propria storia,
la libertà della propria identità
attraverso il travestimento.
la vita è come il Carnevale:
non si può mai sapere che scherzo
farà perché ogni persona
non è che una maschera teatrale,
un attore che recita
un proprio ruolo e che assumendo
così la propria personalità
contribuisce ad arricchire la comica
teatralità dell’umana stupidità.
  • Attualmente 4.75/5 meriti.
4,8/5 meriti (4 voti)

Il viso scoperto è difficile da presentare al mondo e le motivazioni sono tante; chi arlecchinesco, chi inespressivo e imperturbabile, ognuno utilizza delle coperture per apparire “qualcosa” di diverso. Sono pochissime le occasioni in cui le rimuoviamo, ma quando avviene è una conquista. Pirandello sostiene “ Una realtà non ci fu data e non c’è, ma dobbiamo farcela noi...”, dunque maschera? Forse si, basta saperla indossare e togliere altrettanto bene imparando, tra i due momenti, a non ferire se stessi e gli altri. Uno spunto di riflessione questi tuoi versi, oggi più che mai.

il 02/02/2020 alle 17:04

Un po' come la giornata odierna palindroma.

il 02/02/2020 alle 19:33

Le Poesie Meno Recenti

Chello ca me piace
Pubblicata il 17/06/2006
Chello ca me piace

‘O sfilatino cu ‘a murtadella
‘na pummarola ncopp’â fresella
‘a ricotta chella ‘e fuscella
‘a carne ‘e puorco ch’’e papaccelle

‘O pruvulone chello piccante
‘na pizza fritta quanno è cucente
nu fritto misto si è cruccante
na pasta ô furno bella e abbondante

Nu piezzo buono ‘e baccalà
e duje lupine m’aggia sfizià
‘o fritto ‘e pesce nun po’ mancà
vino ‘e Gragnano in quantità

e ‘na frittata ‘e maccarune
‘o broro ‘e purpe si staje diuno
so troppo buone ‘sti capitune
‘e mulignane si so’ a scarpune

na cozzeca ‘e scoglio prufumata
na margherita si ‘un è abbruciata
nu puparuolo ca è mbuttunato
pasta e fasule quanno è scarfata.

E ‘na nenna a core a core
mentre pienze ‘e ce fa ammore
chiude l’uocchie e faie rummore,
……meglio si te vaie a cuccà




  • Attualmente 5/5 meriti.
5,0/5 meriti (1 voti)

Non so se ho capito tutto per benino...certo che a pasta e fasule è da evitare in certe occasioni...

il 17/06/2006 alle 18:08

M'è scappata...chiedo venia.
Grazie, Antonio Covino

il 17/06/2006 alle 20:15

Un vero buongustaio.
Sarebbe bello se tu mettessi in versi ciò che non ti piace.
Un saluto al mangione, mati.

il 18/06/2006 alle 00:11

Mi hai dato una bella idea...però non dovrà
essere un argomento culinario, perchè in quel
campo è difficile che qualcosa non mi piaccia.
Ciao, Antonio Covino

il 18/06/2006 alle 20:02

Hai ragione...è roba che fa male, e anni di abuso
cominciano a dare accumulo...ma che vuò fa' ?
Sono uno che s' innamora del cibo...anche.
Un bacio, Antonio Covino

il 18/06/2006 alle 20:08

Condivido in pieno i tuoi gusti che sono anche i miei(vecchia tradizione della Campania) in particolar
1° uno sfilatino caldo con mortadella.
oppure una fresella con i pomodori e basilico.
un antipastino con provolone auricchio piccante,salame nostrano.
e una pasta al forno con polpettine e tanto sugo.
Vino di Aglianico del Vulture...o di Gragnano.
Per dessert na pastiera e grano.
Buon appetito! Antò..Un abbraccio Dora

il 19/06/2006 alle 09:08

oggi questi dolcissimi dialetti mi fanno venire un'acquolina, mi fannoooo

il 19/06/2006 alle 11:11

Abbiamo gli stessi gusti...sono tutte cose buonissime e il tuo menu è eccezionale
Ciao, Antonio

il 25/06/2006 alle 20:35

peccato siano solo lettere...ciao, Antonio

il 25/06/2006 alle 20:36