Poesie presenti nella categoria: Poesia dialettale

Le Poesie Pubblicate Oggi

A' lagnanza
Pubblicata il 21/07/2019
Da circa n'secolo c'è na' malattia
che nun riuscimo a debellà via.
se chiama "lagnanza",
causa er mar de panza'!

votamo, eleggemo er primo cittadino,
poi s'accorgemo che l'eletto è n'cretino!
e' solo sfiga, jella o sfortuna,
o nun ne azzeccamo manco una?

a' gli eletti avemo trovato mille difetti.
pare che solo noi semo l'unici perfetti!
se riuscissimo a' elegge er Padreterno
sarebbe er più, durerebbe in eterno!

però prima se dovemo levà stà malattia.
er mar de panza è peggio de n'epidemia!
artrimenti, dopo e' prime tre alluvioni,
costrignemo pure Lui a dà e' dimissioni!
  • Attualmente 0/5 meriti.
0,0/5 meriti (0 voti)

Le Poesie Pubblicate ieri

Amata vecchia compagna!
Pubblicata il 20/07/2019
Me fa compagnia a' vecchiaja,
li giorni lieti vissuti, mijaja!
mo' cio' n'età seria,
magno e m'addormo su a' sedia!

russo pure quanno stò seduto,
chissà se ar 2020 darò er benvenuto?
se me trova co' l'occhi chiusi,
che je dico: me scusi?

sei l'unica che me sei rimasta vicina,
la sola a damme er buondì a' mattina!
me sei stata fedele come n'cane,
reso fresco er mio tozzo de pane!

vorrei stà co' te ancora quarche anno,
se prima nun me s'encolla n'malanno!
adoro er tuo silenzio, er tuo sorriso,
nun me lascià. viè co' me in Paradiso!
  • Attualmente 5/5 meriti.
5,0/5 meriti (2 voti)

Le Poesie Pubblicate Nell'Ultima Settimana

A' Creazione!
Pubblicata il 18/07/2019
Disse na' vorta un predicatore:
er Signore creò er lavoratore,
n'ora dopo, er lavoro cor datore!

ar primo raccomannò:
" Fa mo' quello che te dico,
va e cortiva l'arbero der fico! "

poi ammonì er seconno:
" Devi caccià fora li sordi dalla saccoccia,
sennò der fico nun magni manco a' coccia! "
  • Attualmente 3/5 meriti.
3,0/5 meriti (2 voti)

piacevolissima....come le altre....

il 21/07/2019 alle 18:56

Le Poesie Pubblicate Nell'Ultimo Mese

"c" come Vaffanculo
Pubblicata il 10/07/2019
vaffanculo sarvini co' la lega
'fanculo trampe co' l'americani
'Fanculo renzi e li demo...cristiani
ma vaffanculo tristo e chi lo prega

vaffanculo er governo che ce frega
l'opposizzione piena de ruffiani
un doppio vaffanculo a li romani
che co' raggi pònno chiùde bottega

un vaffanculo a puffo sberluffoni
e la su' scorta de peracottari
che ce rompe, 'affanculo, li cojjoni

'fanculo li prelati mijjardari
che prègheno ma fregheno mijjoni...
vaffanculo mercedes e ferrari

rossopasquino 2016, novembre
(Nda: le minuscole non sono errori di digitazione)
  • Attualmente 0/5 meriti.
0,0/5 meriti (0 voti)

.....non si salva nessuno e, ti dò ragione ......il più pulito porta la rogna.....

il 10/07/2019 alle 06:56

Vivace pasquinata, ma doveva essere più lunga. Ne hai dimenticati (o tralasciati?) parecchi.

il 10/07/2019 alle 10:42

Un affondo con fioretto ,un saluto

il 10/07/2019 alle 11:34

Anche per me doveva essere più lunga... complimenti.

il 10/07/2019 alle 14:23

Magra (solo la consolazione): menar mannando move mignolo, mica mijjardari, quello va, l'altri sarvin-ghiano.

il 10/07/2019 alle 18:15

Nella grata dei quattordici versi era difficile comprimere qualche altro "vaffanculo". Rossopasquino s'impegna a redigere il seguito! Grazie a tutti per l'empatia! … e vai!, ci ho infilato anche il lemma dotto ;)

il 11/07/2019 alle 00:18

Le Poesie Meno Recenti

Si putissi
Pubblicata il 04/04/2009
Si putissi (Se potessi)
lu me’ ciatu t’arrialassi (il mio respiro ti donerei)
ppi sentiri ancora la to’ vuci (per sentire ancora la tua voce)
filici e libera cantari (felice e libera cantare)
di cieli chini l’occhi (di cieli pieni gli occhi)
e la vucca d’amuri. (e la bocca d’amore.)
Si putissi (Se potessi)
‘ddi manu di sangu ti lavassi (quelle mani di sangue ti laverei)
picchì di lu ‘nfernu nascinu (perché dall’Inferno nascono)
e la spiranza astutanu. (e la speranza spengono.)
Si putissi (Se potessi)
lu me’ amuri ti cantassi (il mio amore ti canterei)
quannu ‘mmenzu a lu focu (quando in mezzo al fuoco)
di tutti ‘sti culuri (di tutti questi colori)
scinni dintra lu mari (scende dentro il mare)
la luci d’u to’ suli (la luce del tuo sole)
e lu cielu è cchiù scuru (e il cielo è più scuro)
e chianu chianu adduma (e piano piano accende)
tutti li stiddi e puru lu me’ cori. (tutte le stelle ed anche il mio cuore.)

Picchì t’amu accussì (Perché t’amo così)
Sicilia antica e mia ? (Sicilia antica e mia ?)

Forsi picchì nascisti (Forse perché sei nata)
ppi sòffriri e patiri. (per soffrire e patire.)

Forsi picchì nascisti (Forse perché sei nata)
ppi essiri puisia. (per essere poesia.)
  • Attualmente 4/5 meriti.
4,0/5 meriti (2 voti)

Wella paesà!
Liggivu a puisia
e'mmi piaciu assai...
'nni scrissi una puru iu,
foisse a liggisti...
Bedda eni!!!
Vasi ruci ruci...
Ele. ;-D

il 04/04/2009 alle 16:57

Buongiorno bellissima poesia io sono siciliana e l'ho apprezzata molto!! grazie radiosa

il 22/04/2009 alle 12:31

bellissima, questo si che è amore, ciao Rosa

il 12/02/2013 alle 15:40