Poesie presenti nella categoria: Cazzate

Le Poesie Pubblicate Oggi

C'est la vie
Pubblicata il 17/08/2019
Mi trema la voce come la fiamma di una candela.
vorrei si spegnesse definitivamente questa vita.
parto e riparto per le attenzioni, prendo quota,
(di)vento soffocante, nessuno mi sopporta più.
certe sere in cui la sola falce veglia la mia testa,
spero la clessidra urli forte lo scadere del tempo.
come una stella in caduta, esprimiti con le parole,
balla bambolina, nessuno vuole salvarti, neanche tu!
  • Attualmente 1.5/5 meriti.
1,5/5 meriti (2 voti)

Non capisco il finale. Ciò non toglie che il nikilismo di questa poesia me la renda empaticamente affascinante.

il 18/08/2019 alle 00:35

Le Poesie Pubblicate Nell'Ultima Settimana

Lo iettatore
Pubblicata il 11/08/2019
Vivo in un quartiere bene della Capitale
dentro un attico ubicato in zona centrale.
faccio la bella professione di: "Iettatore!"
lavoro tanto. Corto è il giorno di 24 ore!

vesto in nero con una giacca doppio petto.
porto appresso una croce ed un diavoletto!
sono ritenuto lo "Special one" del settore,
non sono Mourinho e non faccio l'allenatore!

ogni settimana viene a trovarmi la Morte
ed insieme programmiamo a tutti la sorte!
mi apprezza molto, sono il braccio destro,
nonchè il collaboratore col maggior estro!

il cervello spazia su tutti i cieli, nazionali
ed esteri. La iella la regala in parti uguali!
lavora senza soste, è la fucina delle idee,
ha elaborato la guerra fra le due Coree!

una mattina un gatto nero attraversando
ha notato che anche io stavo arrivando.
si è fermato, si è seduto ed ha aspettato.
l'ho passato e tra le zampe s'è "toccato!"

un collega, che non era un mio estimatore,
scoppiava di salute, mai accusato un malore.
cercava solo di evitarmi, di non incontrarmi.
ora riposa nel Cimitero di "Forte dei Marmi!"

il Sindaco mi voleva affidare un compitino,
risolvergli il problema del traffico cittadino!
lui, aveva sentito raccontare da qualcuno,
che quando esco non circola più nessuno!

mi cercano parecchi politici dei partiti più vari,
vorrebbero che gli eliminassi i loro avversari!
no, non posso, mi servirebbero troppe ore,
non li rivuole indietro nemmeno il "Creatore!"

negli anni mi son fatto un'ottima reputazione
e voglio continuare questa amata professione!
a voi, fedeli lettori, non arriverà mai un guaio!
chi non ci crede, tocchi ora una testa d'aglio!
  • Attualmente 5/5 meriti.
5,0/5 meriti (1 voti)

lettura divertente e piacevolissima....l'ho riletta ad un amico accanto a me ....si è divertito molto anche lui... Bravo.

il 11/08/2019 alle 21:49

Grazie Gabriela, sono contento di aver donato un piccolo sorriso anche al tuo amico. Ciao

il 12/08/2019 alle 06:17

Le Poesie Pubblicate Nell'Ultimo Mese

Lo scarabocchio
Pubblicata il 19/07/2019
Sono la brutta copia di una creatura,
nato per far paura alla stessa natura.
scarnito, pelato, slanciato ma secco,
con la bocca stretta a forma di becco!
mia madre mi guarda e rimane muta.
piange dall'emozione e cade svenuta!
le sue mammelle non danno più latte.
provo sotto la capra e le tiene ritratte.
due gocce me le succhio da una vacca
ma finisco sepolto in un mare di cacca!
dalle pecore escono solo scure palline,
neppure esistono confezioni in lattine.
che dolore la tua scomparsa, Poppea!
se vivo è per te: "Mors tua, Vita mea!"
tiro avanti giornalmente col semolino,
più grasso di me è anche lo stecchino!
il dentista dice che sono trasparente,
da dietro le spalle mi estrae un dente.
rivolto a mia madre fa la sua battuta:
"dov'è finita la carne, se l'è venduta?"
sono chiamato: "lo scheletro parlante"
perchè cammino storto e barcollante.
dico oggi quello che ho pensato ieri,
come i treni, ritardano i miei pensieri!
le costole, ben visibili, non sono belle,
vanno sù e giù, a mo' delle tapparelle!
più in basso il "manico" e la "borsetta",
con dentro le "rotelle" della suddetta.
raffreddato, mi scappa uno starnuto,
scendono i vestiti, resto quasi nudo!
le mutande, che porto con le bretelle,
coprono il mio "manico" e le "rotelle"!
mi muovo e sento lo stridore delle ossa.
ho paura di seminarle alla prima scossa!
il loro insieme e mantenuto dalla pelle
e quando si accavallano vedo le stelle!
la mia alimentazione è assai precaria,
praticamente sto digiuno, vivo d'aria.
bevo l'acqua. che prendo dalle bocce,
la sorseggio utilizzando il contagocce!
sono tanto leggero che posso volare.
basta un alito di vento per decollare!
il problema rimane il come atterrare.
privo di piume non riesco a frenare!
una cosa buona mi dona la dolce natura
che utlilizzerò dopo l'avvenuta sepoltura.
ai vermi che vengono a fare gli spuntini,
offro solo la pelle con moltissimi ossicini!
  • Attualmente 2.66667/5 meriti.
2,7/5 meriti (3 voti)

Ho molto amato le poesie d Trilussa.... ogni una di esse nascondeva una morale ... tu mi riporti a Lui e per questo .....ti leggo volentieri....Auguro a te di essere amato come Lui.... Gabriela.

il 20/07/2019 alle 10:58

Purtroppo de Trilussa nun ciò manco n'capello, so' pelato! Comunque grazie dell'augurio che ho tanto gradito!

il 20/07/2019 alle 11:14

Le Poesie Meno Recenti

Il Tempo dei cocomeri
Pubblicata il 20/09/2008
***
Inizia il combattimento,
sul ring sta per aver inizio l'evento
del nuovo millennio.
Din... din din din....
Aaaavanti i secondi!!!
Abbiamo sulla nostra sinistra
San diPietro delle Catene detto "er manettaro"
è, alla nostra destra,
il Cavaliere Nero detto "er nano" pizzicatutto.
Cronaca:
er manetta tenta di infilare
i ferri ar nano ma, attenzione!
er nano unto dal signore è
pur'unto d'olio...
scivolano le manette.... atttenzione:
er nano je mozzica le caviglie...
si aggrovigliano, si arrabbattono
"e la gente intorno a meeee
come un gufo vuooool spiareeeee...
e di strano cosa c'è.....
ma che mondo stiam vivendo...."(Rubato a L.)
*
  • Attualmente 0/5 meriti.
0,0/5 meriti (0 voti)

FORTE ZIO,FORTE,SALUTI

il 20/09/2008 alle 14:17

Il fatto è secondo me che,
le capocce dell'"homo sociale" sono soltanto
delle schede ricaricabili.
Tu paghi ed io ti carico.
Di che? Di tutto.
Anche la goduria virtuale? Ci macherebbe d'altro!
Ma ben venga!
Ciao mon amis.
zio

il 20/09/2008 alle 16:25