PoeticHouse - Il Portale dei Poeti e della Poesia

Poesie presenti nella categoria: Poesia sperimentale

Le Poesie Pubblicate Nell'Ultima Settimana

Bud e Terence
Pubblicata il 20/09/2021
Queste son due persone,
che fan cazzotti in continuazione,
li vedi spesso in televisione,
son famosi in ogni Nazione.

uno grande grosso e barbuto,
ti solleverebbe con uno starnuto,
l'altro dagli occhi chiari che splende di beltà,
in molti lo chiamavano Trinità.

con loro se ne vedono delle belle,
di risate a crepapelle,
e se han fame e son da soli,
te li ritrovi a mangiar fagioli.

a volte sembrano due matti,
interpretando due super piedi quasi piatti,
alcune altre fan finta di litigare,
mentre con gli ippopotami gli piace stare.

le loro leggendarie battute,
son da tutti risapute,
mentre le loro colonne sonore,
le conoscono persino le suore.

hanno accompagnato intere generazioni,
per i più piccoli anche meglio dei cartoni,
film visti a ripetizione,
sempre come se fossero in prima visione.

ancora oggi vengono riproposti dal palinsesto,
li rivedo volentieri anche se con occhio più mesto,
in ricordo di anni che non torneranno più,
quando loro erano l'appuntamento fisso alla tv.

non volevo però lasciar alla nostalgia nessun richiamo,
bud e Terence mi direbbero: ' Altrimenti ci arrabbiamo',
allora con un barattolo di marmellata mi siedo sul sofà,
e congedandomi scrivo: ' Solo Puffin ti darà forza e grinta a volontà'.
  • Attualmente 5/5 meriti.
5,0/5 meriti (1 voti)

Le Poesie Pubblicate Nell'Ultimo Mese

Pubblicata il 09/09/2021
Valeria
"no"
non ti fa dormire
se "na"

tranquillamente.

nms "21
  • Attualmente 5/5 meriti.
5,0/5 meriti (1 voti)

Le Poesie Meno Recenti

Messa Grigia
Pubblicata il 09/09/2003
- amen -
per l'uomo
la cui testa
abrasa è
dal vetriolo
dell'acredine
- amen -
per l'uomo
la cui tavola
è imbandita
con pane
companatico
e merda
-amen-
per l'uomo
che inchioda
se stesso
fingendosi
martire
-amen-
per l'uomo
che vendica
la perdita

Al rintocco della seconda campana
riceverai la visita della Mente Sterile,
ti troverai di sudore madido
sdraiato sul letto nella disadorna camera
lo sguardo trafitto dal soffitto
e le mani sul sesso voglioso
a dimenarsi compulsivamente
cercando un appiglio materiale alle tue voglie
( un leggero tanfo di rose in decomposizione)
Al rintocco della prima campana
riceverai la visita del Corpo Smunto
e perderai te stesso
nei meandri di un inferno plagiarista
( un pervadente suono di bicchieri rotti)
Al rintocco dell'Ultima Campana
cadranno le pareti
graffiate dagli artigli
di un enorme, quanto subdolo, Felino.
( il pungente contatto di un corpo perso)

- amen-
e pace in terra
per le palle di sterco
che rotolano
e rotolano
ancora...

  • Attualmente 0/5 meriti.
0,0/5 meriti (0 voti)

Un complimentone... di grande effetto...! strabravo!
La messa è finita
...continua nella vita (inconsapevole..)
un bacione
ac

il 09/09/2003 alle 15:50

(perchè avrei avuto il mio bel daffare?)

è molto bella.
lirica grandiosa
dedicata ad un uomo
che di uomo ha più nulla.

abbraccio pat.

il 09/09/2003 alle 15:58

Grazie Alba, anche per l'intervento sull'Elogio. La messa è finita ? Uhm, ancora devo scrivere messa nera ( che arriverà presto)..solo allora potrò dire d'aver scritto qualcosa che ha senso.
COnsapevolezza....
Abbracci
IO

il 09/09/2003 alle 16:03

Touchè.....

Un abbraccio a toi
Francesco

il 09/09/2003 alle 16:03

Incanto in stridìo di spigoli acuti!
....bellissima...talmente intensa da far sentire il leggero tanfo delle rose ed il suono dei bicchieri....
la pre-chiusa è una perfetta fusione di versi, immagini e sensazioni..."(il pungente contatto di un corpo perso)"...
...qualche poeta dannato direbbe che sei morto e rinato solo per descrivere questa sensazione!


Brawissimo!

Hola
Marco

il 09/09/2003 alle 22:13

E invece non morirò. Sarò qui per completare la serie di Messe. A tra poco quella rossa. Tra non molto quella Nera, scritta in coppia con la mia Fragilemusa.

kizzez

io

p.s nn sono sensazioni che ho vissuto. Le Messe, come tu ben sai, si celebrano anche per convogliare le anime dei morti..... e io sono vivissimo, aspita se lo sono.

il 10/09/2003 alle 12:54