Poesie presenti nella categoria: Poesia sperimentale

Le Poesie Pubblicate Oggi

Il cuscino di polvere
Pubblicata il 22/05/2019
un cuscino di polvere

troppe volte
ho assaporato
con occhi molli
il cielo marzolino
che si dipanava
speranzoso
nel mio cuore …
troppe volte
in una vasca di illusioni
ho fatto un bagno
di infinita fede
per lavare via
il lerciume
di questa vita
in cui piove solo terra.
ma mi rinserra
il petto l’arduo volere
un infinito niente oltre la luna.
così, vagando col pensiero
al di là delle nubi,
lì dove è nero l’immenso
e dove rubi un attimo
lo spirito mio
una pace superiore,
lì dove l’azzurro tace
e ci accarezza un nero silenzio,
lì dove Dio muore
e si spegne il calore
di una stella flebile,
lì, proprio lì
dove svanisce la vita fasulla,
il mio animo riposa
su un cuscino di polvere
cullato dal nulla!
  • Attualmente 4/5 meriti.
4,0/5 meriti (2 voti)

Scusa ma li dove?

il 23/05/2019 alle 02:45

Li

il 23/05/2019 alle 09:46

Le Poesie Pubblicate ieri

De profundis clamavi
Pubblicata il 21/05/2019
de profundis

gigantesca, come il mare,
in te la mia anima pesca
abissi sconosciuti, muti
attimi di immensità.
lascio i crocifissi
d'oro e viltà
agli uomini che cercano
l'eterno in un perno
di ferro che s'apre
e mostra solo panche
e un po' di acqua sporca
in un lavacro.
in te tutto quel che è sacro
non si vede, è nascosto,
mosto dell'anima,
piede nell'ombra.
con te ho dormito
sdraiato sulle nuvole,
cullato dal vento
come una vela
che di sera leggera
sfiorava le onde,
come una prua
che di sera leggera
fendeva il buio,
spada di legno.
il tuo disegno
non conosco,
nessuno lo conosce,
forse solo le cosce
di una donna che danza
fra i miei incubi,
che con i suoi occhi
brillanti mi osserva,
stelle orbitanti
attorno a un buco nero.
ti prego, aleggia
fra i miei versi
come cieli tersi
in un malinconico
gennaio.
ti prego, fertilizza
le mie rime
come concime
per le petunie:
il dubbio, il vino
e la disperazione
hanno bruciato
questa terra
ed i miei pensieri
son contadini
incapaci di far
fiorire anche solo
un verde germoglio.
questo foglio è un pozzo
senza fine,
e sulle pareti ha spine,
roveti inestricabili
che non mi fanno
risalire:
sono intrappolato
come una mosca
nella fitta tela
di questo dolore.
ti prego, Poesia,
dammi solo una parola,
anche una sola
che mi illuda,
che la mia anima nuda
trascini nel vento.
  • Attualmente 4.5/5 meriti.
4,5/5 meriti (2 voti)

Le Poesie Pubblicate Nell'Ultima Settimana

Rapsodia in re min.
Pubblicata il 20/05/2019
rapsodia in re Min

mi scorri dentro,
lurida e imperiosa
come il Tevere,
putrida strofa
di becere sensazioni.
pura e luminosa
come un raggio di luna,
invece, le volte del buio
illumini, pallido
riso della galassia.
il mio cuore è intriso,
affogato nella poesia,
come un bimbo
che non sa nuotare.
e in questo limbo
come bisbiglia
l'azzurro al mattino,
come bisbiglia
l'azzurro al mattino...
ma urlano selvagge
le tenebre,
urlano come l oceano
ruggente, con tuoni
e onde sugli scogli.
questi cieli Bianchi
che sono i fogli
e questo cannocchiale
di nome penna
non hanno visto
che buio, il buio
dell’inchiostro,
il mostro che mi divora
l'anima come un Goya
senza pace,
come una brace
la legna scricchiolante
come ossa malandate...
e andate, andate
sono le giornate
in cui gioivo di una donna,
di un buon vino,
immerso nella luce
come in una vasca immensa
a rilassarmi,
e l'eterno era la mensa
dove potevo mangiare
a sazietà stelle ed infinito.
ora c'è il nulla che bussa
al mio petto,
ora c'è la polvere
che mi accarezza
in queste stanze trascurate,
in queste danze macabre.
curate, curate miei pensieri,
velieri scricchiolanti
dalle vele lacerate,
curate le rotte
e affogate nell'orizzonte,
l' dove le onte sbiadiscono
oltre le grigie nuvole,
lì dove una fonte
ignota questo nero fiume
fa fluire.
versi miei, piume di gallo,
vi spenneranno per il brodo:
ciò di cui godo non mi darete
e finirete con me nella merda,
nell'immondizia e nella fossa.
ma non preoccupatevi,
la Poesia è un cibo
che può andare di traverso
a chi non sta attento
alle ossa.
  • Attualmente 2/5 meriti.
2,0/5 meriti (2 voti)

Le Poesie Pubblicate Nell'Ultimo Mese

Pubblicata il 29/04/2019
Ho cipressi improvvisi nel cuore
e nel mio corpo un ingombrante lutto
ho perso te, mio grande amore
ho perso te e ho perso tutto
  • Attualmente 4.14286/5 meriti.
4,1/5 meriti (7 voti)

Un'enfasi melodiosa a decantare la tristezza di un nefasto evento!

il 29/04/2019 alle 17:24

Mi piace lo scorrere dei versi!

il 29/04/2019 alle 19:36

Non e' facile scrivere,momenti particolarmente negativi e tu lo hai fatto in poche ma profonde parole, che la forza accompagni il tuo cammino

il 02/05/2019 alle 17:45

Le Poesie Meno Recenti

Tragitto Termoli Lucera
Pubblicata il 19/02/2014
La statale mosaico di buche
tagliava per chilometri e chilometri
la sconfinata pianura
di maggese e verde grano,
qualche accenno di vallata
a voler ricordare come poco
può elevarsi la speranza
in certi posti fuori dal catasto di Dio,
-nessun albero a variare il paesaggio
a fare da trespolo a qualche uccello
magari a un sogno stremato
o da orientamento a un'illusione persa
o da nascondiglio a anima trasparente
-Sul ciglio della strada denti d'erba
caduti al tentativo d'azzannarla
mazze di carni semoventi
vestite d’identico colore
a distanza l’un dell’altra
in strategia calcolata
a voler rianimare in tempo
un pensiero morente
all’angolo degli occhi
e subito allo sguardo successivo
ma la miseria dei corpi
non scacciava il diniego
e le macchine sfrecciavano
-A volte sembrava
che una mano invisibile
togliesse le pedine
per calarle più avanti
tanto parevano uguali
o forse così le faceva sembrare
quell’aria di fame e squallore
-Lo spostamento d’aria
sollevava qualche gonna
e s’intravedevano segni
di battaglie abbandonate
senza né vinti e vincitori
e a terra il bottino
della solitudine
-------------------------------------
da:Vite Contromano
www.santhers.com
  • Attualmente 5/5 meriti.
5,0/5 meriti (1 voti)