Poesie presenti nella categoria: Poesia visiva

Le Poesie Pubblicate ieri

Pubblicata il 17/01/2019
Se avessi potuto fissarti
sulla quinta rossa del tramonto
forse, al ritorno delle primule,
avrei ripetuto i segni
del tuo profilo sinuoso,
la punta accesa del tuo seno
nel processo degli equinozi.
Ma di questi moti
residuano solo appunti liquidi
sulla cresta di un taqquino
e le serate si perdono
in vuoti parcheggi, in soste vietate
agli apprendisti.

Fondali di scatoletta
attendono le mie ombre
dietro l'angolo, scaldate solo
dal lampeggio arancione
di un semaforo impiccato
sull'incrocio dei fili
e stasera il piazzale è uno scivolo
dopo gli scrosci del mattino,
pozze marroni nascondono
rade tracce di pedoni
che s'intrecciano sulle zebre.
  • Attualmente 4/5 meriti.
4,0/5 meriti (2 voti)

è stupanda!

il 17/01/2019 alle 22:35

stupenda. pardon

il 17/01/2019 alle 22:35

Le Poesie Pubblicate Nell'Ultima Settimana

Pubblicata il 14/01/2019
Gli uomini della favelas
con le ginocchia serrate al petto
stanno seduti
come i primi uomini del creato.
quando il gaudente europeo
percorre le favelas,con il bianco abito,
il bimbo indio,scuote gli uomini seduti
ed urla;los angels,los angels;
nessuno alza il capo.
con le ginocchia serrate al petto
gli uomini delle favelas
si illudono di non essere mai nati.
  • Attualmente 0/5 meriti.
0,0/5 meriti (0 voti)

Le Poesie Pubblicate Nell'Ultimo Mese

robba finta
Pubblicata il 29/12/2018
la vecchia sarta del borgo
se n’è andata
ancora fissa
sull’orlo d’una vita

a piccoli passi giù nel vicolo
uscendo di bottega
solo ieri
t’infilava un sorriso
e
curva alle misure
raccontava le sue storie
in mezzo a fili colorati
spilli e gessetto
bottoni sparsi

chissà quanti vestiti
provava al manichino
solo moda antica
d’obbligo allora l’inchino

chiaro il messaggio in vetrina
no cina

adesso rimane
la gatta senza padrona

a far le fusa
sulla porta
ciotola vuota
m’annusa

fame
o robba finta
  • Attualmente 4/5 meriti.
4,0/5 meriti (3 voti)

non è un errore, solo che volendo calcare il significato di robaccia…, ho intenzionalmente aggiunto due b e qui mi vorrete perdonare...approfitto per ringraziarvi tutti.e come anche fare i miei auguri di buon anno a tout le monde, ciao vir

il 30/12/2018 alle 08:18

testo piacevole...anche se malinconico e triste .....specie la situazione del povero gatto....

il 30/12/2018 alle 10:31

grazie Gabriela, al paese un gatto si salva sempre, ci sono vecchie gattare di una volta giù nei vicoli, tranquilla...

il 05/01/2019 alle 00:15

Le Poesie Meno Recenti

Settembre.
Pubblicata il 22/09/2007
Settembre
il sole nasce dietro
capannoni
-sterili-
giallo
lucente
-come fosse estate-
ma tiepido
scialbo
ha nel cuore
pezzi di freddo
Faccio della
lenta morte
dell'estate
la mia forza
il fresco del
mattino
lancia teneri
schiaffi
-su muoviti-
è Settembre
Hai ancora una vita
-forse-
davanti.
  • Attualmente 5/5 meriti.
5,0/5 meriti (1 voti)

quando il pensiero si trasforma in poesia

il 22/09/2007 alle 15:04

Cercara ci vule grinta e determinazione nella vita!
e Settembre ti ha dato uno scialbo sole,ora devi
azzerare tuto. E ricominciare a vedere la vita con occhio indacatore!.Ti auguro un sereno week-end. Dora

il 22/09/2007 alle 15:13

..o meglio, quando il pensiero riesce a trasformarsi in poesia..è una sensazione molto bella. o almeno per chi scrive.

il 22/09/2007 alle 15:14

saggie parole. grazie di leggermi ciao :)

il 22/09/2007 alle 15:15

bella,iniziava l'anno per gli antichi sardi a settembre,perciò non fine ,ma inzio,un augurio di buon cammino ,cate

il 22/09/2007 alle 16:04

ok...la prossima volta scaverò più in fondo.

il 22/09/2007 alle 16:09

beh,anche da noi , alla fine, l'anno inizia simbolicamente a settembre. basta pensare a chi studia, o a chi va in ferie tutto agosto. Settembre è il mese del ritorno.ciao :)

il 22/09/2007 alle 16:12